saluto

sabato 16 ottobre 2010

La Fornarina

Fornarina - Raffaello
 La Fornarina
Era chiamata la Fornarina, perchè era fija d'un fornaro che ttienéva er forno in quela casetta tanta antica, vicina a queli'antra che ffa ccantòne tra la via de Santa Dorotea e pporta Sittimiàna. Dunque era tresteverina, e bbella come un sole. Un giorno ner mentre stava a la finestra a ppettinasse, passò dde llà un bravo dipintore, un certo Raffaelle che llavorava llì vvicino a la Fernesina, e, vvedella, e innammoràssene cotto, fu u' mmoménto.
E ssiccòme puro lui era un ber ggiovine, a llei j'agnede a gègno, e sse mésseno a ffa' l'amore. Ma cche amore! Quello se chiamava amore pe' ddavéro! Dice che llui 'gni tantino piantava e' llavoro per annalla a vvede;
e ttutt'e ddua se daveno l'appuntamento e sse n'annaveno, come du' regazzini, sotto fiume, a ddiscore. Anzi dice ch'er padrone de la Fernesina, quanno nu' lo vedeva, mannava quarcuno sotto fiume a ccercallo, e llà era sicuro che lo trovava assieme a la su' Fornarina. Quanno dipigneva nun voleva antra modella che llei, sicché cchi lo sa s'in quanti mai de li su' quadri l'averà ddipinta. Figuràmese dunque in quante cchiese starà ssù 1'artari a ffà dda Madonna! E ppensà cche la ggente che la vanno a ppregà', nun sanno che hanno da fa' cor una povera fija d'un fornaro!

web

Nessun commento:

Posta un commento

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM