saluto

mercoledì 20 ottobre 2010

Storia del risotto alla milanese


Storia del risotto alla milanese
Curiosa la storia sulla nascita del risotto milanese allo zafferano. Si narra, che nel 1574 fra i maestri vetrai, incaricato di terminare le vetrata del duomo, ci fosse un certo Valerio di Fiandra, questi aveva un'insolita mania, quella di mettere una manciata di zafferano nell'impasto di tutti i colori che erano usati per dipingere i vetri. "Finirai col mettere lo zafferano anche nel piatto in cui mangi", gli dicevano per scherzo i colleghi.
Valerio era anche un conosciuto mangiatore e bevitore; come tale, frequentava assiduamente il Bettolino de Preti, dove veniva spesso la sua bellissima figliola a cercarlo. La giovane, un giorno, incontrò qui il figlio del trattore e se ne innamorò. I due si sposarono nel settembre del 1574. In occasione del pranzo di nozze, l'aiutante di Maestro Valerio lasciò cadere nel risotto una presa di zafferano. Si dice che il suo fu un gesto di gelosia per boicottare le nozze dei giovani sposi perché anche il garzone era innamorato della ragazza. Ma ottenne un risultato contrario. Tutti i commensali, con un po' di stupore e diffidenza di fronte alla nuova portata, cominciarono a servirsi e alla fine si levò un coro di lodi entusiastiche che consacrò la trovata del garzone. Il gesto di ripicca si tramutò così in un successo di gusto e bontà. Era nato il classico risotto giallo.

Nessun commento:

Posta un commento

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM