saluto

sabato 20 novembre 2010

Credenze popolari & superstizioni

Credenze popolari

*****


Lucertola
Una delle cose che porta maggior fortuna è il ritrovamento e la cattura di una lucertola con due code. ( mai vista una ma trovato una foto)
Messa in un cassone di legno, farà crescere e di molto il grano ivi contenuto.
Se una persona ha fortuna o riesce negli affari gli si domanda infatti, se ha con sé la lucertola a due code.
La lucertola è animale sacro, per cui chi la uccide si attira il male. Infatti anche da morta la lucertola continua a muovere la coda e questo movimento vorrebbe significare che essa impreca contro chi l'ha uccisa.
*****

Abracadabra
Il significato di questa parola, e la sua origine sono sconosciuti.
Gli studiosi di arti magiche le attribuivano poteri occulti, era considerata una formula di scongiuro contro la cattiva sorte.
 Per allontanare la cattiva sorte, o le malattie, si consigliava di scrivere prima la parola per esteso, in stampatello, di seguito e in modo decrescente, per fare decrescere ciò che affligge.

*****
Piccione
Nelle valli del potentino il piccione è protagonista nella tavola e lo era nelle superstizioni ed anche nelle cure e medicine popolari:
 Il brodo di piccione era considerato efficace per alleviare le doglie della partoriente. Contro il tifo si usava porre le due metà di un piccione sotto i piedi del malato, quindi si sotterravano le interiora del piccione e si attendeva la guarigione.
I piccioni intanto che facevano?
*****
Cucchiaini ritti nello zucchero. 
Ora nei bar le zuccheriere sono vietate, ma sino a pochi mesi fa capitava di vedere sul bancone due cucchiaini, di solito con manico molto lungo, impiantati ritti nello zucchero. Avevo notato che ogni volta che con mia cognata, che è giapponese, si entrava in un bar per bere un caffè, lei “coricava” i due cucchiaini. Mi ha spiegato che in Giappone quando una persona muore, si mette dalla parte del capo una ciotola di riso con i due bastoncini infilati ritti, l’effetto visivo dei due manici dei cucchiaini era simile. 
Noi mettiamo un cero e non mi piacerebbe bere un caffè al bar con un cero acceso sul bancone.
*****

Rimedi contro le punture
Per calmare il bruciore causato dalla puntura delle api e degli insetti in genere, si usava mettere sulla ferita una gallina nera (nelle Alpi venete) o un topo squartati (nel Friuli).
Mi auguro che non sia vero
Nel Mantovano e in altri luoghi della Pianura Padana si usa ancora segnare con un coltello, o un altro pezzo di metallo, una croce sulla parte dolorante.
Nel Pavese, si disegnano sulla ferita, tre croci usando una chiave.
Ricorre spesso il simbolo della croce.

In Friuli, si credeva che le punture fossero più pericolose, quando c'è canicola e nei mesi senza erre (da maggio ad agosto).
Con il progresso abbiamo perso queste "sane ed ecologiche abitudini" e ci siamo ridotti ad usare dei banalissimi disinfettanti
*****
Rosmarino
 Nel Modenese la pianta vetusta del rosmarino era considerata incarnazione del capo famiglia, il quale non sarebbe sopravvissuto alla morte della pianta medesima.
Come nasceranno queste cavolate?
In Romagna, si credeva che la persona che piantava in rosmarino sarebbe morta se la pianticella avesse attecchito, tuttavia l'interessato poteva sfuggire al funesto evento orinando sopra la pianta per tre mattine consecutive all'alba.
Mi ribalto dal ridere ahahah
 Un'altra credenza del Bolognese prevede che per essere amati, i fiori del rosmarino devo essere conservati sul cuore.
Spero non fossero quelli sui quali avevano fatto pipì
*****
Alcuni rimedi popolari a dir poco buffi!
In passato, l'otite era curata versando nelle orecchie alcune gocce di latte materno.
M'immagino una persona che va dalla vicina e: ..... non avrebbe un po di latte materno? ho l'otite
Il colostro di mucca serviva per medicare le scottature.
Si credeva che il lardo facilitasse la fuoriuscita di corpi estranei dalle ferite.
Di sicuro le ungevaPer curare i porri vi si passava sopra una lumaca senza guscio, poi la si appendeva ad un filo di ferro. Quando la chiocciola raggiungeva l'essiccazione completa, il porro cadeva da solo.
Complicato e schifoso
E ancora… Dopo aver preso una botta in testa, per evitare che la parte interessata si gonfiasse, vi si premeva sopra una moneta. Magari appoggiandoci un mattone si gonfiava meno
Per curare le emorroidi si metteva sulla zona dolorante una corteccia di rami d'ulivo tenero.
Spero che la appoggiassero soltantoColoro che erano affetti da malattie bronchiali dormivano nelle stalle, visto che gli animali fornivano un calore umido ad azione emolliente.
.....o perchè almeno non li sentivano tossire?
*****
Superstizione e numeri
" 17: ’A disgrazzia ".
Un numero notoriamente sfortunato secondo la tradizione europea (in America è, invece, il 13 il numero della disgrazia!).
Il fatto che cambiando continente cambia anche il numero , la dice lunga sulle superstizioni
 Qual'è l'origine di questa triste fama?
Pare che tutto risalga ai tempi dei Romani quando 17 veniva scritto così: XVII
"XVII" Anagrammato diventa VIXI che tradotto significa "Vissi, ho vissuto", quindi "sono morto"
Terribilmente cervellotica questa interpretazione.
Secondo la cabala, il 13 è il numero della morte e della nascita, cioè del cambiamento totale, delle trasformazioni
******
Funghi
Per non rischiare avvelenamenti da funghi, si usava cucinarli mettendo nella padella  una moneta d’argento o uno spicchio d’aglio; se questi si annerivano, i funghi erano ritenuti velenosi, se invece rimanevano bianchi, allora erano commestibili. L’esperienza insegna che è un metodo assolutamente insicuro. E….. non fateli assaggiare prima al gatto.
*****
Credenze molisane
Si crede che nella notte dell'Epifania e durante la notte di Natale, gli animali siano capaci di parlare e che, discorrendo tra loro, benedicano il padrone che li nutre bene e li fa lavorare poco e maledicano, invece, i padroni che li sfruttano e che li nutrono con scarso cibo.
*****
Anno bisestile
Anno bisestile: anno fausto
Perché i mesi del calendario rimangano in armonia con il movimento cosmico, ogni quattro anni si deve aggiungere un giorno al calendario, questo giorno di recupero è sempre stato considerato: " giorno eccezionale"
  Gli anni bisestili sono favorevoli a ogni nuova impresa, a ogni cambiamento di vita o di mestiere.
  Un lavoro che inizi il 29 febbraio ha le migliori probabilità di successo.
  La stessa cosa vale per bambino che sia concepito o che veda la luce il 29 febbraio.
 Ma come? non si diceva: "Anno bisesto anno funesto?"
Vuoi vedere che mi hanno sempre fregato!
*****
Aglio
L'influenza ci fa un baffo! In caso di epidemia, portate una collana di aglio
Per fare la collana occorrono:
   un ago,
   uno spago sottile
   spicchi di aglio in numero dispari.
Infilate gli spicchi d’aglio con lo spago, aiutandovi con l’ago e fissate ogni spicchio con due nodi.
Bisogna portarla tutti i giorni sotto gli indumenti. La sera va appesa in camera, vicino al letto.
La collana deve essere cambiata appena gli spicchi accennano ad alterarsi.
Si alterano solo gli spicchi od anche il partner?

*****

Bacio
In Inghilterra, credono che una ragazza non si sposerà più se le resta un pelo sulle labbra, dopo aver baciato un uomo con i baffi.

Nessun commento:

Posta un commento

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM