saluto

mercoledì 1 giugno 2011

Göbekli Tepe - Turchia

Göbekli Tepe
In Turchia su alcune colline chiamate Göbekli Tepe vicino alla pianura di Harran, nei pressi del confine siriano, sta tornando alla luce un complesso di templi, considerato uno degli insediamenti più antichi della storia. Le costruzioni avrebbero 11500 anni e sarebbero antecedenti di 6000 a Stonehenge. Gli scavi sono condotti da dodici anni dall’archeologo tedesco Klaus Schmidt. La civiltà che ha costruito il sito di Göbekli Tepe è stata definita "la Roma dell'era Glaciale". Sono stati trovati: monoliti, pilastri alti sei metri a forma di T, terrazze, cerchi di pietra, bassorilievi, sculture di animali e piante, simboli astratti. Fino ad ora sono stati recuperati circa cinquanta pilastri del complesso, uno dei quali, secondo le datazioni, rappresenterebbe l'opera d'arte monumentale più antica del mondo. I rilevamenti radar hanno mostrato la presenza di almeno altre quindici rovine con altre 250 pietre ancora sepolte.
A circa 4 m di profondità, sono state rinvenute tracce di strumenti in pietra (raschiatoi e punte per frecce), semi di piante selvatiche e legno carbonizzato insieme ad oltre 100.000 ossa di animali, macellati e cucinati sul posto.
Klaus Schmidt ipotizza che il luogo sia nato per esigenze religiose e attorno al tempio   sia poi stato costruito tutto il resto e dimostrerebbe che in quella regione sia nata l'agricoltura, oltre che l'architettura domestica.
Inspiegabilmente intorno all'8000 a. C. il sito fu abbandonato e volontariamente coperto con terra di riporto.

Nessun commento:

Posta un commento

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM