saluto

mercoledì 21 dicembre 2011

Filippine il tifone Washi


Nuovo disastro nelle Filippine è l’ultimo di una lunga serie del 2011.
 Nelle Filippine il tifone Washi ha colpito la zona centrale e meridionale del Paese venerdì notte, gonfiando improvvisamente i corsi d'acqua e causando smottamenti e fiumi di fango che hanno travolto strade e abitazioni e hanno sorpreso la maggior parte delle vittime nel sonno. Il maggior numero di morti si è registrato nelle città' di Cagayan de Oro e Iligan, sull'isola di
Mindanao, dove ci sono quasi 300mila sfollati. Benito Ramos, un funzionario della Protezione civile dell'arcipelago ha detto: "I morti accertati sono 1002 ma il bilancio è destinato ad aggravarsi perché ci sono ancora molti dispersi". Oltre venti mila soldati lavorano senza sosta per ripulire le strade e scavare fosse comuni per seppellire i cadaveri ormai in decomposizione. I centri di evacuazione e gli ospedali sono in difficoltà per l'enorme afflusso di persone, molti corpi non sono ancora sepolti e c'è il timore che si diffondano malattie tra la popolazione.
L'Unicef si sta preparando a rispondere alle esigenze dei circa 43.000 bambini colpiti dalla tempesta 14.000, sono stati già trasferiti nei centri di evacuazione. Un milione di euro dai fondi derivanti dall'otto per mille è stato stanziato dalla Conferenza Episcopale Italiana "per far fronte alle necessarie emergenze”.

Ps: 23 dicembre  L'ultimo bilancio provvisorio ufficiale parla di 1.080 morti e 1.079 dispersi, circa 471.000 le persone colpite dal tifone.

2 commenti:

  1. Credo caro Enrico che l'anno 2011 passerà alla storia per le grandi catastrofe avvenuto in quelle regioni. Buon Natale amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Ciao Tomaso, purtroppo di catastrofi ce ne sono state un sacco e non solo in quelle regioni.
    Felice Natale
    enrico

    RispondiElimina

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM