saluto

venerdì 6 gennaio 2012

Il canale di Mosca - Кана́л и́мени Москвы́ -



Il canale di Mosca
Il canale fino al 1947 si chiamava Moscova-Volga, unisce il fiume Moscova con il fiume Volga che è il più lungo e più ampio bacino fluviale europeo e la principale arteria dei trasporti della Russia europea. Il canale, uno dei più grandi al mondo, lungo 128 km è un'opera gigantesca realizzata sotto la direzione di Matvei Berman, durante la prima metà della dittatura di Stalin dal 1932 al 1937. Furono costruite dighe, inondate pianure, cancellati villaggi e alla fine di aprile del 1937 il canale fu riempito con l'acqua del Volga. Il canale è stato considerato non solo come un grande acquedotto, ma anche una monumentale opera d'arte dell'epoca del socialismo. Fornisce a Mosca circa la metà del fabbisogno idrico, collega la città a cinque mari, il Mar Bianco, il Mar Baltico, il Mar Caspio, il Mar d'Azov e il Mar Nero. Con la messa in servizio di otto dighe produce energia idroelettrica e le rive dei suoi bacini di riserva sono un luogo di svago per i moscoviti. I lavori furono compiuti da più di un milione di uomini trattati letteralmente come schiavi, in prevalenza erano prigionieri dei Gulag. Furono molte le vittime e furono sepolte senza bara nelle fosse comuni. Il cantiere era enorme: 200 milioni di metri cubi di terra scavata, 3 milioni di metri cubi di cemento, 8 dighe di terra, 7 dighe di cemento, 15 ponti, 11 chiuse, 2 tunnel 5 stazioni di pompaggio che spingono l'acqua del Volga verso la Moscova e il Terminal Nord, da dove si attracca a Mosca con la sua stazione marittima, utilizzata anche dalle navi da crociera.

8 commenti:

  1. IL video è molto bello, decisamente questo canale è stata un'opera ciclopica considerato il periodo.
    Unico neo - piuttosto grande - pensare in quale modo le "maestranze" vennero impiegate...
    Ciao, buona domenica.

    RispondiElimina
  2. notizie interessanti!Creazioni colossali.
    Buona domenica

    RispondiElimina
  3. Grande documentazione.
    Serena domenica a presto.

    RispondiElimina
  4. Sirio sapere che sono morte tante persone per realizzarla fa passare in secondo piano l'importanza dell'opera

    RispondiElimina
  5. Ciao Lu è veramente un'opera ciclopica
    buona giornata

    RispondiElimina
  6. Ciao Cavaliere a presto.
    Buona giornata a tutti
    ciao

    RispondiElimina
  7. Ne conoscevo un po' la storia, ma sinora ne avevo visto solo una vecchia fotografia in bianco e nero.

    RispondiElimina
  8. Dal filmato ci si rende conto di quanto è imponente.
    ciao Adriano

    RispondiElimina

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM