saluto

mercoledì 18 gennaio 2012

Venezia e i piccioni

I colombi
I colombi a Venezia si sono moltiplicati negli anni in modo esponenziale, tanto da creare dei problemi ai cittadini e alla città, tuttavia la loro provenienza non è certa. Si dice che siano stati importati da Costantinopoli, Cipro o da mercanti veneziani che li utilizzavano per trasmettersi informazioni circa la percorribilità dei mari e la richiesta di merci particolari. Le leggende sono comunque molte.
Si racconta che durante le feste indette per la costruzione della Basilica di San Marco una coppia di piccioni data in dono al Doge, si rifugiò sotto la volta dorata della Basilica. Il Doge ordinò che fosse lasciata libera e fosse nutrita e curata da tutti i veneziani.
Nel 1204 il Doge Enrico Dandolo per annunciare che la Serenissima aveva conquistato Costantinopoli utilizzo dei piccioni e per la gioia e riconoscenza i veneziani nutrirono e curarono i portatori di tale notizia.
 Sicuramente i colombi furono utilizzati dai mercanti, dalle spie e dagli ambasciatori veneziani all'estero per trasmettere notizie, e per questo motivo furono sempre allevati, nutriti, curati e utilizzati. Sia in pace sia nelle guerre questi "postini" volanti contribuirono alla crescita, lo sviluppo e la prosperità della Serenissima, e per questo motivo furono nutriti e protetti.

12 commenti:

  1. mi piacerebbe vedere Venezia e un giorno ci andrò.
    Grazie per gli auguri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Venezia è unica. Se ci vai una volta ci torni, ci torni e ci ritorni.
      buona giornata.
      enrico

      Elimina
  2. Ciao Enrico, sono stata reccentemente a Venezia, come sai che per me gli animali sono come fratelli.. ma le colombe in piazza san Marco sono a volte una piaga, solo il pensiero che loro sporcano tanto.. ma del tutto il resto Venezia e tutte le sue isole sono un grande patrimoni culturale .. io adoro le vie nascoste fuori dal tuorismo dove tutto è ancora come 100 anni fa.. sembra il temo li si ha fermato.. scusa ma non trovo più la tua e-mail ti prego la prossima volta se mi lasci un commento inserisci la tua e-mail lo rimane invisibile ma solo io lo posso a vederlo.. scusa per la mia scarsa presenza, ma non trovo sempre il tempo da passare da tutti ti abbraccio con sincera amicizia Rebecca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo non si può visitare Venezia senza vedere S. Marco o lo splendido palazzo Ducale, ma le calli e i canali secondari sono il vero cuore della città.
      Credo che se veramente lo volessero si potrebbe ridurre in modo incruento il numero dei piccioni.
      Buona giornata
      enrico

      Elimina
  3. Ciao Enrico bellissimo il tuo racconto sui piccioni veneziani, Venezia senza piccioni sarebbe una povera orfana, per i piccioni Venezia a la loro madre
    buona giornata
    Tiziano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piazza S. Marco senza piccioni sarebbe diversa, stesso discorso vale per Milano o le altre piazze italiane. Io però sono convinto che il numero dovrebbe essere tenuto sotto controllo. Lo dice uno che ha avuto un piccione, che se lo lasciavo fare, girava libero per casa. Poi ho avuto una colomba bianca che usciva di casa la mattina e tornava la sera a mangiare e dormire, picchiava pure con il becco sui vetri se tardavo ad aprire la finestra. :-)

      Elimina
  4. Caro Enri, sono stata a Venezia e mi è piaciuta tantissimo.
    I colombi c'erano in piazza San Marco, ma non tanti come oggi.
    Non conoscevo le storie siu "postini volanti", molto interessanti!
    Buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse sbaglio ma le poche volte che ci sono stato mi è capitato di vederne a volte moltissimi, altre volte molto meno. Forse dipende dalle stagioni.
      dolce notte dolcissima Gianna
      enrico

      Elimina
  5. Trama storica notevole! Poi, immagino, di attrazione turistica in attrazione, li mettono anche altrove: ad esempio in Piazza Duomo a Milano dove mi ritrassero con tanti piccioni intorno (uno in mano a mio padre) orsono 60 anni. Dopo di che il diluvio: oggi credo siano dappertutto ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adriano a Milano ne abbiamo un bel po. Non so se si possano considerare un'attrazione turistica, ormai sono ovunque.
      Forse gli storni però combinano anche più guai dei piccioni.
      guarda qui: http://amici-in-allegria.blogspot.com/2010/09/stormi-di-storni.html
      ciao serena notte
      enrico

      Elimina
  6. Risposte
    1. Cavaliere a me Venezia piace molto. Roma, Firenze, Pisa, Trieste, Catania, la Sardegna, l'elenco sarebbe lungo. Tutta l'Italia ha città bellissime ma Venezia ha un fascino particolare.
      Parlo ovviamente da turista, abitarci credo sia diverso.
      buona notte
      enrico

      Elimina

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM