saluto

domenica 4 marzo 2012

Violenza sulle donne:''breast ironing'' (deturpazione del seno)


Violenza sulle donne: deturpazione del seno
Il 6 febbraio si è celebrata la giornata mondiale contro le mutilazioni genitali femminili. L'altra sera guardavo alla TV “Striscia la notizia”, hanno mostrato la sede ONU, dove si sta cercando una soluzione per combattere la barbara e atroce pratica della mutilazione degli organi genitali femminili. Sarebbe ora che finalmente si riuscisse a debellare questa piaga. C'è però un'altra violenza di cui si sente poco parlare, il ''breast ironing''. In Africa a molte donne viene deturpato il seno per renderle meno attraenti agli occhi degli uomini ed evitare in questo modo stupri e matrimoni forzati. La tortura inizia sulle bambine di circa otto anni e consiste nel mettere sul petto pietre riscaldate, oppure, si fissano sul petto, tramite fasciatura, oggetti duri e spigolosi o comunque si fa qualunque cosa possa essere utile per deturpare il seno. La pratica costante di queste atrocità provoca ovviamente ustioni, dolori, ascessi, infezioni e mille altri problemi. L’organizzazione non governativa tedesca GTZ ha compiuto un’indagine in Camerun analizzando cinquemila bambine, ragazze e donne adulte di età compresa tra i 10 e gli 82 anni. Il risultato è sconvolgente, una su quattro ha subito questa tortura. Dall'indagine è emerso che il ''breast ironing'' è praticato in Ciad, Benin, Guinea Bissau e in tutta l’Africa centro-occidentale, e ha deturpato non meno di quattro milioni di donne.
Questa barbarie una volta era praticata nei villaggi rurali, oggi si è diffusa nelle grandi città, soprattutto nelle zone più povere e periferiche, dove maggiore è il rischio di stupri e violenze.
Se fosse necessaria, una prova di quanto l'ignoranza sia pericolosa, c'è che le madri che torturano in questo modo le loro figlie, lo fanno convinte di farlo per il loro bene, pensano che in questo modo le proteggono da guai peggiori.

14 commenti:

  1. E' veramente triste pensare che ancora ai giorni nostri si verifichino tali scempi!
    Speriamo in interventi di istruzione più incisivi nel rispetto dei valori e delle loro culture.
    Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come troppo spesso accade sono sempre le donne quelle più esposte a queste atrocità.
      Buona giornata, un abbraccio
      enrico

      Elimina
  2. non ho parole,credimi.
    Questo sta solo a significare quanto l'ignoranza dilaghi ancora nel Terzo mondo,perchè non c'è altra Distinzione.
    Lu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Deturpare una figlia per timore che possa incontrare uno stronzo (scusa il termine)è inconcepibile.
      Buona giornata, un abbraccio
      enrico

      Elimina
  3. Stento a credere se anche so che è la verità! è veramente mostruoso quanto avviene. Buona domenica amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con te Tomaso, mostruoso è il termine esatto.
      Ciao carissimo buona giornata
      enrico

      Elimina
  4. Non capisco come si pò fare una cosa simile ad un altro, comunque questo fa capire quanto l'umanità incosciente.. non aggiungo altro perchè potrei perdere il buon senso delle parole.. ti abbraccio Rebecca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In casi simili non censuro le parolacce :-)
      Ciao Rebecca buona giornata un abbraccio
      enrico

      Elimina
  5. Terribile!

    Ti aspetto per una sfida.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. OK Gianna arrivoooo
      buona giornata un abbraccio
      enrico

      Elimina
  6. Risposte
    1. Anche a te sembra incredibile?
      buona giornata
      enrico

      Elimina
  7. Passa da me, enri: ti ho lanciato il guanto di sfida!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ho lasciato un messaggio.
      Ciao Adriana buona giornata
      enrico

      Elimina

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM