saluto


mercoledì 3 aprile 2013

Ahmed bambino soldato



Ahmed infanzia rubata
 Il portale britannico d’informazione Telegraph ha pubblicato foto e video,  nel quale si vede Ahmed “soldato” della guerra civile siriana, tra le rovine di una Aleppo martoriata da un conflitto che da quasi due anni sconvolge il paese. La cosa incredibile è che Ahmed è un bambino siriano di solo otto anni e regge un’arma che non riesce nemmeno ad imbracciare, mentre fuma una sigaretta per sentirsi adulto. L'unica persona della famiglia rimastagli è lo zio miliziano. Intervistato Ahmed dice: "Ho finito per aiutare mio zio ed i suoi compagni perché non ho altra scelta, non c'è scuola, la mia famiglia è morta, che scelta ho? C'è sempre qualcosa da fare qui, non sono mai annoiato. I combattimenti sono diminuiti molto rispetto allo scorso anno ma i cecchini sono ancora un grosso problema e abbiamo avuto un sacco di morti”. Ahmed prosegue: "Le armi sono pesanti e ho ancora difficoltà a sparare contro di loro, posso solo sparare appoggiato sul pavimento“.
Un rapporto di Human Rights Watch rende noto che centinaia di bambini delle città colpite dal conflitto in Siria sono stati addestrati per combattere. Giovani ragazzi per lo più quattordicenni, sono inviati in missioni di ricognizione o per il contrabbando di armi ai gruppi di opposizione.

I bambini continuano ancora ad essere usati in guerra come scrivevo in questo vecchio e sconvolgente post

18 commenti:

  1. stamattina quando sono passata sono andata a leggere il tuo post vecchio....e sono restata cosi....senza parole .....e ci si rende conto ..(o forse gli occhi vogliono cancellarlo o non so) delle atrocità che questo mondo arriva a fare .....vedendo la foto di quel bimbo ...sono andata indietro negli anni e ho pensato agli 8 anni dei miei ragazzi....e ho provato a sostituirli a loro ....mettergli quel fucile tra le braccia.....e non ce l'ho fatta ....non ce la facevo a vederli cosi ....e a pensare che ci siano genitori che arrivino a tanto per qualsiasi sia il motivo per cui lo fanno....ho i brividi di ribrezzo......

    buona giornata enrico un'abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non esiste povertà estrema, sovraffollamento, carenze di qualsiasi tipo che possano giustificare minimamente l'abbandono dei propri figli. Non si può armare un bambino, plagiarlo e dirgli di uccidere. Che esseri sono quelli che violentano giovani bambine o, come scriveva Roberta Leone nel suo articolo che ho copiato nel vecchio post, costringere dei ragazzi ad uccidere a bastonate un loro coetaneo che voleva ribellarsi. È tutto mostruoso.
      Buona giornata Barbara un abbraccio
      enrico

      Elimina
  2. Caro Enrico, un post che ci facapire, che questo sconvolgente mondo non ha più pace.
    Questa storia raccaoriciante mi fa venire i brividi al solo pensare.
    Buon pomeriggio caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La crescita dei bambini è un periodo importante della vita che va seguito con amore. Derubarli dell’infanzia e della loro innocenza è un crimine mostruoso.
      Buona giornata Tomaso
      enrico

      Elimina
  3. Sconvolgente, infanzia derubata e deturpata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non bastava il buon senso per proteggere i minori, hanno fatto persino una legge che vieta la partecipazione diretta di minori di 18 nei conflitti armati. Non è bastata nemmeno la legge!
      Buona giornata Gianna, un abbraccio
      enrico

      Elimina
  4. Ciò che più mi fa inorridire, è che a questi bambini la loro bella età - che dovrebbe essere fatta di gioco e di coccole - viene brutalmente tolto il loro diritto ad essere fanciulli come tanti altri loro coetanei . . .
    Che tristezza!

    Ciao, buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente non ho riscontri diretti ma leggo che anche a guerra finita i sopravissuti non sono sempre facilmente reinseribili nella loro comunità. Sappiamo che spesso ci sono problemi psicologici negli adulti che tornano dalla guerra. Possiamo immaginare come si sentano dei bambini.
      Ciao Leonardo buona giornata.
      enrico

      Elimina
  5. E sconvolgente vedere queste cose
    e lo sfruttamento che fa più inorridire
    stiamo ritornando incivili
    come all'età della pietra
    ciao Enrico
    Tiziano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse gli uomini delle caverne insegnavano ai loro figli come procurarsi il cibo cacciando gli animali.
      Non credo che utilizzassero i bambini nelle lotte tribali.
      Ciao Tiziano buona giornata
      enrico

      Elimina
  6. Non ci sono parole per esprimere angoscia per quel bimbo e sdegno per chi lo ha costretto in quella situazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Costringere un bambino a sparare contro un essere umano, anche se non lo colpisse, è solo una barbarie inaudita che segnerà per sempre quella giovane vita.
      Ciao Adriano buona giornata
      enrico.

      Elimina
  7. Queste immagini straziano il cuore e ci fanno capire quanta violenza esiste nel mondo.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono esseri umani quelli che distruggono l'innocenza dei bambini e gli negano il diritto di vivere un'infanzia serena.
      Ciao Cavaliere buona giornata
      enrico

      Elimina
  8. estimado tío Henry tu foto es triste y tan real como el futuro que nos espera, un mundo sin inocencia ni niños, te abrazo

    RispondiElimina
  9. Se i bambini sono sfruttati e costretti a combattere, il futuro della razza umana è molto triste.
    Ciao La abuela un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
  10. Un altro terribile episodio di infanzia negata.
    Quanta violenza viene imposta a questi bambini in un età che dovrebbe essere spensierata.

    Buon proseguimento!

    RispondiElimina
  11. Tutte le guerre sono sempre assurde, provocano morti, distruzioni e non risolvono mai nulla. A maggior ragione è inconcepibile che si usino dei bambini nei conflitti. Buona serata Lucia un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM