saluto


venerdì 14 giugno 2013

Blogging day - NoSlot -


Giornata contro la piaga del gioco d'azzardo
Ribelliamoci alle slot machine
La giornata è organizzata contro la piaga del gioco d'azzardo che, grazie alle slot machine e alle varie opportunità di gioco online, coinvolge 17 milioni d'italiani e fattura 87,6 miliardi l'anno.
Secondo le statistiche, gli italiani spendono nel gioco d'azzardo oltre 1.500 euro l'anno pro capite, cifra che rappresenta una quota pari al 12% della spesa per i consumi!

18 commenti:

  1. E speriamo servano a qualcosa queste giornate Enrico...
    Un abbraccio e buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io credo serva più alle persone che non sono schiave del gioco piuttosto che ai giocatori. Se uno non si sa gestire, gli basta non entrare nelle sale giochi o in locali che hanno le mangiasoldi, almeno non cede alla tentazione.
      Buona serata Betty, un abbraccio
      enrico

      Elimina
  2. Notizia fresca fresca, Enri :

    (ANSA) - BRESCIA, 13 GIU - Un imprenditore di 44 anni si e' tolto la vita in mattinata nell'azienda di cui era titolare insieme al fratello. A quanto e' emerso, sembra che da tempo soffrisse di depressione dovuta alla dipendenza dal gioco, che lo aveva portato ad accumulare debiti e ad avanzare continue richieste di denaro a familiari e conoscenti per giocare alle slot machines. L'uomo e' stato trovato morto impiccato nel capannone della ditta che produce macchine da cucire industriali a Gussago (Brescia).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il vizio del gioco ormai è dichiarata malattia, e di questo “bel vizietto” dobbiamo ringraziare lo Stato.
      Di recente, il DDL 13/9/2012 n. 158 (art. 5), ha inserito la “ludopatia” nei livelli essenziali di assistenza (Lea), con riferimento alle prestazioni di prevenzione, cura e riabilitazione rivolte alle persone affette da questa patologia.

      A questo proposito vi invito a leggere   questo interessante post  di due amiche (madre e figlia), di cui quest’ultima disabile, e senza ricevere un cent.
      VI riporto qui solo una frase del post:

      “Ci tengo a fare presente al Governo che una persona NON SCEGLIE di nascere con un’invalidità o una malattia che lo renderà permanentemente disabile, mentre invece sceglie se attaccarsi alla bottiglia, farsi qualche dose o diventare l’amante di una slot machine.”

      Non so voi, ma io la penso con lei!
      Non vorrei sembrare cinica, questi suicidi sono disgrazie terribili, ma questa è solo opera del nostro governo… che ora cerca di rimediare a questo modo…

      Scusa se mi sono dilungata Enrico...

      Elimina
    2. Gianna è ovvio che quando una persona si uccide è comunque un fatto tragico e doloroso ma è difficile trovare giustificazioni a questo tipo di comportamento. Da persona inesperta credo sia molto più difficile smettere di bere, fumare, drogarsi, che rinunciare al gioco. Basta volerlo!
      Buona serata, un abbraccio
      Enrico

      Elimina
    3. Ho letto il post di Ruth, credo che parlare di “dipendenza dal gioco” non abbia senso. Nessuno li obbliga a giocare, non c’è nemmeno la baggianata dell’emulazione. Non credo proprio che esista una sindrome d’astinenza da slot machine. Solo che criminalità e stato ci fanno i miliardi con il gioco.
      Buona serata Betty, un abbraccio e grazie per l’intervento
      Enrico

      Elimina
  3. non so quanto serva la giornata ...ma la speranza è sempre l'ultima a morire ......e quello che ha scritto gianna si lo so .....purtroppo......è vicino a me circa ....quindi....buon w.e. enrico un'abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Barbara come ho scritto sopra forse parlarne non è di molto aiuto a chi è schiavo del gioco. Serve in modo molto blando ad avvertire dei pericoli. È come quando banalmente si dice: non cominciare a fumare che poi fai fatica a smettere.
      Buona serata Barbara . un abbraccio
      Enrico

      Elimina
  4. E' IMPORTANTE QUESTA GIORNATA molte persone non si rendono conto cosa combinano giocando ma penso sia una malattia mentale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non voglio fare lo psicologo da strapazzo ma probabilmente se il giocatore avesse vicino qualcuno che lo ami veramente, si accorgerebbe che chi ama sta cadendo nel baratro.
      Buona serata Elisa un abbraccio
      enrico

      Elimina
  5. E' una minaccia quotidiana, ad ogni angolo di strada! Ci sono più sale giochi che latterie...panetterie...ma certo!...è più redditizio!...cosa possiamo sperare? che lo stato ne ordini la chiusura?...nooooo...dove c'è entrata di moneta sonante lo stato non interviene...
    Non sapevo di questa giornata e ti ringrazio Enrico di averci messo al corrente!...speriamo serva! davvero...perché purtroppo c'è chi i 1.500€ pro capite annui...se li brucia al mese!...che pena!
    Certo fa pena...l'imprenditore anche...e fa bene Gianna ad evidenziare la notizia proprio per rendere meglio l'idea del "grande male del 3°millennio che sta diventando il gioco d'azzardo! perché è questo che sta diventando...
    ma io sto con quella mamma che scrive la cruda verità sulla disabilità e quindi sto con te anche...Betty

    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pino ha mille ragioni Ruth. Condivido pienamente con lei, te e Betty il suo pensiero di madre giustamente indignata.
      Buona serata
      Enrico

      Elimina
  6. Beh..io ogni tanto compro il gratta e vinci ( non vincendo un tubo!)
    Sono da considerare a rischio??? :D comunque.., concordo contro questo allarme sociale!!!! ..e pensare che poi.., si vanno a rimpinguare le casse dello stato!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Annastella se non fai come quel politico che giocava giornalmente una discreta cifra che poi finiva nella lista ”rimborso spese”, naturalmente a carico del contribuente, puoi stare tranquilla. :-)

      Elimina
  7. Caro Enrico è un male che è difficile debellare!!!
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un giorno ho assistito ad una discussione fra due fratelli. Il figlio di uno voleva dei soldi per giocare alle slot machine del bar dove ci trovavamo. Il padre glieli ha dati, il gestore del bar non ha detto nulla, mentre lo zio faceva una ramanzina a suo fratello perché permetteva a suo figlio di buttare soldi nelle macchinette.
      Per il padre del ragazzo forse dodicenne, era normale che il ragazzino giocasse.
      Buona serata Adriano

      Elimina
  8. Una tremenda piaga sociale di cui si raccolgono notizie, purtroppo, anche, per dire, sotto casa.

    RispondiElimina
  9. Non bastavano le varie forme di gioco d'azzardo, ora si gioca anche in Internet. Temo che seduti comodamente in casa davanti ad un PC possa diventare una grossa tentazione per menti deboli.
    Buona serata Adriano
    enrico

    RispondiElimina

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM