saluto

sabato 8 giugno 2013

Giornata Mondiale degli Oceani - World Oceans Day


“Giornata Mondiale degli Oceani”.
 Dall’8 giugno 2009 l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha designato questa data per valutare le condizioni degli oceani che sono essenziali per la salute e la sopravvivenza di tutte le forme di vita del pianeta. Nel Mediterraneo il 60% delle risorse ittiche è sovra sfruttato, poi c’è l’inquinamento, trivellazioni off-shore e cambiamenti climatici.
Giorgia Monti, responsabile della campagna Mare di Greenpeace Italia ha dichiarato: “Ci troviamo in un momento estremamente critico per i nostri Oceani e se non interveniamo subito con misure di gestione efficaci e a 360 gradi rischiamo di perdere un enorme patrimonio di biodiversità e risorse fondamentali per la sicurezza alimentare e il futuro del settore pesca. È ora di tutelare gli ecosistemi marini, fermando le attività distruttive e sostenendo quelle a basso impatto, come la pesca artigianale, se vogliamo garantire un futuro al nostro mare”. 

Che dire? Clicca >Pacific Trash Vortex



12 commenti:

  1. Caro Enrico, da più parti viene sollecitata la salvaguardia delle risorse idriche, mare ovviamente compreso.
    Speriamo che questi continui appelli vengano prima recepiti e quindi diano un futuro alle acque e a noi stessi.

    Buona domenica con un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Gianna è la solita storia, conta sempre e solo il profitto e continuiamo ad inquinare. Oceani, mari, laghi, fiumi, territorio, stanno diventando una discarica. Cosa diranno le future generazioni alle quali lasciamo un mondo invaso da rifiuti di ogni genere?
      Ciao buona domenica, un abbraccio
      Enrico

      Elimina
  2. ho visto anche l'altro tuo post .....ma non so se è cambiato qualcosa da allora ......io me lo auguro ....ma forse è una mia falsa speranza ....buon w.e. enrico un'abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Barbara ti rispondo con una citazione copiata da Wikipedia:
      "Il maremoto che ha colpito la costa orientale giapponese l'11 marzo 2011 ha provocato un enorme afflusso di detriti nell'oceano, questi galleggiando, spinti dalle correnti si sono distribuiti nell'oceano pacifico, raggiungendo anche la costa americana. Uno studio condotto nel luglio 2012, ha rivelato che parte dei detriti galleggianti si sono accumulati nel Pacific Trash Vortex accrescendolo fino ad una larghezza di 2000 miglia, di questi solo il 2% non è costituito da plastica”.
      Praticamente le cose peggiorano.
      Ciao buona domenica un abbraccio
      Enrico

      Elimina
  3. E ora che impariamo caro Enrico zio a conservare al meglio questi tesori dell'universo, invece di rovinarli irrimediabilmente!
    Buon week-end , caro amico mio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Nella continuiamo a comportarci come se domani, quando la terra sarà solo un’immensa discarica, potessimo fare i bagagli per trasferirci altrove. La realtà è una cosa, i voli spaziali di massa sono solo fantasie.
      Buona domenica, un abbraccio
      Enrico

      Elimina
  4. Caro Enrico, dobbiamo tutti imparare e fare e non solo ascoltare e non fare niente... Scusa il gioco di parole ma è la verità.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Tomaso il concetto è chiarissimo e ovviamente lo condivido.
      Buona domenica
      Enrico

      Elimina
  5. E sarebbe veramente ora Enrico...
    Un abbraccio e buonissima domenica

    RispondiElimina
  6. Cara Betty qualche volta sembra che alcune persone considerino l’inquinamento prodotto dalle discariche di rifiuti o dal’avvelenamento delle acque in generale, qualche cosa di astratto che riguarda eventualmente gli altri. L’ecosistema del pianeta è in realtà delicatissimo, basta alterare pochi parametri e si hanno ripercussioni pesanti su tutto il pianeta.
    Buona domenica, un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
  7. Una di quelle battaglie sacrosante, la difesa degli oceani, per le quali l'esempio deve venire dall'alto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo quando si tratta di salvaguardare la vita del nostro pianeta si fanno tante conferenze, si dicono tante belle parole, poi subentrano gli interessi economici di stati o privati e si fa poco o nulla. Intanto l'inquinamento del pianeta continua a ritmi esponenziali.
      Buona settimana Adriano
      enrico

      Elimina

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM