saluto


giovedì 24 ottobre 2013

Combattere le mutilazioni genitali femminili



Roma 22 ottobre 2013
 Il ministro degli Esteri Emma Bonino, nella foto è con la first lady del Burkina Faso, Chantal Compaoré, ha aperto la conferenza contro le mutilazioni genitali femminili (Mgf), sono presenti anche esponenti ONU.
Secondo il rapporto Unicef i casi sono in lento calo, ma emergono in Asia e Colombia.
“In 29 Paesi africani e mediorientali sono più di 125 milioni le bambine vittime di tale pratica. In Somalia, Egitto e Ciad la mutilazione sui genitali femminili viene inflitta anche a chi ha meno di 5 anni. Diminuiscono in Kenya ma aumentano in Eritrea e Mauritania”
Sono molti anni che si tengono congressi e si denunciano queste atrocità, ma sembra che non si riesca a debellare questa piaga.

12 commenti:

  1. Conoscevo questa barbarie solo appannaggio dell'Africa....e purtroppo leggo qui che è in fase di espansione anche in altri continenti!
    Che vergogna....parole tante, fatti pochi...!!

    Ciao, buon pomeriggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È incredibile! Non c’entra la religione, non c’è nessunissima motivazione per un fatto tanto grave. E solo ignoranza allo stato puro, intanto le atrocità continuano.
      Buon fine settimana Leonardo
      enrico

      Elimina
  2. Se pensiamo a certe civiltà ci fa ribrezzo tutto questo!!!
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte


    1. Leggevo che certe donne sottopongono le loro figlie a questo supplizio, che ne condizionerà l’intera esistenza, anche dopo essere emigrate dai paesi d’origine.
      Buon fine settimana Tomaso
      Enrico

      Elimina
  3. Io mi chiedo sempre.... ma perchè l'uomo è così scemo?? Ma quando finiranno queste atrocità su esseri indifesi? Ma dov'è tutta questa intelligenza che si attribuisce all'essere umano?
    E potrei continuare ancora con le domande...
    Un abbraccio Enrico, buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non riesco a capire come è possibile che una donna possa accettare che si compia un atto tanto grave sulla propria figlia. Queste donne dovrebbero evirare gli uomini che lo impongono. Leggo che oggi le donne saudite in possesso di patente straniera, violando giustamente delle leggi idiote, si metteranno al volante delle loro auto per chiedere al governo di cambiare la legge che vieta loro di guidare l’auto. A maggior ragione le donne di tutto il mondo dovrebbero coalizzarsi per impedire l’M.G.F
      Buon fine settimana Betty, un abbraccio
      enrico

      Elimina
  4. Mamma mia, Enrico, e questa è civiltà????????

    RispondiElimina
    Risposte


    1. È pura barbarie. Sarebbe gravissimo se riguardasse 125 donne in tutto il mondo ma qui si parla di 125 milioni di donne la cui esistenza è stata rovinata per sempre.
      Buon fine settimana Gianna, un abbraccio
      enrico

      Elimina
  5. Bisogna fermare queste atrocità.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  6. La guerra contro la stupidità umana, pare sia la più difficile da combattere.
    Buon fine settimana Vincenzo
    enrico

    RispondiElimina
  7. Se le donne di quei luoghi e consce di quella barbarie, applicassero la legge del dente per dente...forse qualcosa inizierebbe a cambiare. Certo ci vuole molto coraggio e spirito d'abnegazione, come per tutte le rivoluzioni.
    Ciao.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo pienamente. Ciò che non capisco è come delle donne che hanno sperimentato su di se quella barbarie, non si ribellino e possano permettere che le loro figlie subiscano le stesse atrocità.
      Buon fine settimana Cristiana
      enrico

      Elimina

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM