saluto


giovedì 3 ottobre 2013

Nuova immane tragedia dei “viaggi della speranza” a Lampedusa


Nuova tragedia a Lampedusa
Un barcone con a bordo circa 500 profughi eritrei e somali si è incendiato ed è naufragato a mezzo miglio dall'isola dei Conigli. 
Sinora 111 i corpi recuperati, tra i quali anche quelli di donne e bambini; 155 le persone tratte in salvo, mentre centinaia di persone mancano all’appello. Disperati i soccorritori che dicono: "Ci sono morti ovunque”.
Lunedì scorso a Scicli un'altra tragedia. Erano state 13 le vittime che erano su un peschereccio partito sei giorni prima da Tripoli che si era arenato sui fondali di sabbia a 50 metri dalla costa. A bordo c’erano circa 200 persone. 
La popolazione dell’isola è sempre pronta a portare un aiuto a queste sfortunate persone, ma ieri mi sono indignato vedendo in TV una donna che faceva jogging sulla spiaggia dove c’erano distesi i cadaveri.
Oggi  il Papa ha detto: “... Non posso non ricordare con grande dolore le numerose vittime dell’ennesimo tragico naufragio avvenuto oggi a largo di Lampedusa. Viene la parola vergogna. È una vergogna. Preghiamo insieme Dio per chi ha perso la vita: uomini donne bambini, per i famigliari e per tutti i profughi. Uniamo i nostri sforzi perché non si ripetano simili tragedie. Solo una decisa collaborazione di tutti può aiutare a prevenirle”.

Recuperate 366 vittime

22 commenti:

  1. l'ho sentita al tg oggi ...e sono abbastanza senza parole ....mi suonano in mente le parole dell'europa dove dice che devono aiutare l'italia in questo...e mi chiedo dovevamo aspettare tutti questi morti per farci dare una mano????? altro non aggiungo stavo guardando un video che hanno inserito oggi in yt dove parla il sindaco di lampedusa ....e niente .....resto solo in silenzio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In rete leggo dati raccapriccianti: 6200 morti e 4790 dispersi negli ultimi dieci anni. Alcune comunità ecclesiali e fondazioni tipo Fondazione Migrantes, pur in mancanza di dati statistici certi, stimano che dal 1988 ad oggi, circa 25,000 persone siano annegate mentre cercavano la possibilità di una vita migliore.
      Buona giornata Barbara, un abbraccio
      enrico

      Elimina
  2. Si anch'io ho sentito la notizia... Sono senza parole. Condivido il commento di Barbara.
    Grazie Enrico. Ciao a presto. Ale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ho sentito il sindaco di Lampedusa e ha ragione quando dice che è lo stato che deve fare pressioni sull'Europa perché lei è solo un sindaco e a livello europeo non riesce a farsi ascoltare
      Buona giornata Ale, un abbraccio
      enrico

      Elimina
  3. Ho visto e sentito...

    Per ora una preghiera con papa Francesco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Va benissimo il forte richiamo del Papa ma ci vogliono anche interventi da parte di tutta la comunità europea per cercare di evitare queste tragedie.
      Buona giornata Gianna, un abbraccio
      enrico

      Elimina
  4. Non ho parole per commentare Enrico... di fronte a queste vittime... c'è solo da provare una gran vergogna...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapere che queste persone rischiano consapevolmente la loro vita per cercare un futuro migliore per loro e per i loro figli mette tanta tristezza e tanta rabbia.
      Buona giornata Betty un abbraccio
      enrico

      Elimina
  5. Non mi sento di commentare, credo che con il silenzio si possa pregare meglio per quelle povere vittime..
    Solo vergogna che l'Europa non si muova tutta assieme.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Queste persone rappresentano una fonte di guadagno e sono prese in considerazione solo dai delinquenti che le stipano su carrette fatiscenti che galleggerebbero a fatica anche con un decimo delle persone che imbarcano.
      Buona giornata Tomaso
      enrico

      Elimina
  6. Un'ennesima tragedia che si ripete e non si riesce ancora ad agire per evitare che questa gente incontri la morte durante il viaggio di fortuna, Quest'estate in un lido di Catania abbiamo pianto altri morti, Bisognerebbe monitorare al meglio questo esodo per scongiurare il peggio, ma come scrivi tu sono tante le persone che dimostrano indifferenza tanto quanto la signora che fa jogging in mezzo ai cadaveri.
    Un abbraccio e buona serata Enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche certe polemiche capziose di una parte della classe politica del nostro Paese, che specula sulla sorte di povera gente, non aiuta a trovare soluzioni adeguate all'evenienza ed aiuti da parte della Comunità Europea.
      Buona giornata Francesca, un abbraccio
      enrico

      Elimina
  7. Risposte
    1. Vergogna, orrore, terribile, che altro dire?
      Buona giornata Cristina, un abbraccio
      enrico

      Elimina
  8. Purtroppo l'ecatombe continua ... :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Temo che continuerà se non si troverà un modo per aiutarli nel loro Paese creando possibilità di lavoro. Certo se la loro nazione è sconvolta da guerre nessuno li aiuterà mai. Io non credo nelle pacificazioni imposte con le armi dalle potenze straniere.
      Buona giornata Krilù un abbraccio
      enrico

      Elimina
  9. La parola giusta caro Enrico, è giusta collaborazione, che non deve venire solo dall'Italia, ma dall'Europa intera, che invece di stare a guardare , o a sparare sulle imbarcazioni, o criticare le infrastrutture , si metta a disposizione come e più di noi....
    Un abbraccio , caro amico mio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È ovvio che abbiamo bisogno di aiuto per ospitare in modo umano queste persone. Però ci vuole una classe politica seria che sappia farsi ascoltare dall'Europa. Non si può lasciarli per mesi in strutture inadeguate o trasferirli in massa in un residence come hanno fatto a Milano creando un Centro Accoglienza Profughi nel "Residence Hotel Ripamonti"
      Buona giornata Nella, un abbraccio.
      enrico

      Elimina
  10. Risposte
    1. È una tragedia sconvolgente. Buon fine settimana Roby, un abbraccio
      enrico

      Elimina
  11. immagini trgiche che vediamo da giorni,tra queste l'immagine oscena di una che non ha avuto nemmeno il pudore di fermarsi dalla sua corsetta per rendere omaggio ai cadaveri,un gesto qualunque,ma di umanità.
    Purtroppo si fanno tante parole,si imbastiscono trasmissioni e dibattiti,poi l'obiettivo si spenge,fino alla prossima tregedia ..e l'unone europea si volge da un'altra parte
    serena domenica Enrico

    RispondiElimina
  12. Condivido pienamente ciò che scrivi, come al solito si fanno solo chiacchiere. Allucinante la tempestività con la quale si parla di ciò che rischiano i superstiti salvati dai soccorsi. Secondo la legge Bossi-Fini saranno indagati per immigrazione clandestina e il reato prevede come pena massima una multa di 5.000 euro. Buona domenica Gabe un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM