saluto


mercoledì 20 novembre 2013

Alluvione Sardegna


Sardegna: Emergenza aiuti 

Il ciclone abbattutosi sulla Sardegna il 18 novembre 2013 ha provocato danni gravissimi, in particolare nelle province di Olbia e Nuoro. Il bilancio delle vittime è di 16 morti e circa 2.700 sfollati accolti presso strutture comunali, alberghi e familiari.
Il sindaco di Olbia ha detto "Una bomba d'acqua ha sommerso la città". Gravi danni anche all’Ogliastra, all'Oristanese e al Medio Campidano. 
L'intervento della Croce Rossa Italiana per effettuare il soccorso della popolazione è stato immediato, con la mobilitazione di circa cento volontari, ambulanze e Operatori Polivalenti di Salvataggio in Acqua. Sono stati distribuiti viveri e beni di soccorso. Il governo ha stanziato 20 milioni per le prime emergenze.

Se volete fare donazioni potete trovare varie associazioni che le accolgono.
Una di queste è la "Croce Rossa Italiana" (home page.) 
45500 numero solidale

QUI le istruzioni per donare.


10 commenti:

  1. Che disastro, Enri.

    Stringiamoci alle popolazioni colpite dalla devastante alluvione con la preghiera e con aiuti concreti..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Contro certe catastrofi siamo impotenti ma se il territorio fosse meno dissestato almeno non ci sarebbero sempre tante vittime.
      Buona giornata Gianna un abbraccio
      enrico

      Elimina
  2. Grazie Enrico.... l'ho copiato anche da me. Un pensiero alle persone della Sardegna...
    a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cerchiamo di non lasciare sole le persone che hanno perso parenti e beni in questa ennesima tragedia.
      Buona giornata Ale, un abbraccio
      enrico

      Elimina
  3. Caro Enrico anche una goccia può aiutare quella martoriata zona, cerchiamo di essere solidali con il laborioso popolo sardo...
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero Tomaso tante piccole gocce possono creare un aiuto concreto.
      Buona giornata
      enrico

      Elimina
  4. gli italiani in questo sono sempre i primi a mobilitarsi con aiuti concreti ...anche quando magari sono loro stessi che avrebbero bisogno di questi ...ma davanti a queste cose ....penso che non esista nient'altro .....un'abbraccio enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fortuna che si mobilitano i cittadini perché le istituzioni spesso promettono aiuti, stanziano fondi, poi a distanza di mesi sentiamo persone che si lamentano perché sono state abbandonate dal governo e non hanno ricevuto nulla.
      Buona giornata Barbara, un abbraccio
      enrico

      Elimina
  5. Ciao Enrico spero che come sempre la solidarietà della popolazione Italiana
    come sempre sia pronta ad aiutare queste povere persone che hanno
    perso tutto, perché la macchina istituzionale consuma troppo
    e rimane spesso senza benzina.come a dimostrato in questi giorni.
    Noi siamo tante piccole gocce che messe insieme formiamo un mare
    ciao buona serata
    Tiziano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le istituzioni come al solito lasciano a desiderare e intervengono solo dopo i disastri. Hanno detto mille volte che con i fondi che si spendono in un paio d'anni per far fronte alle emergenze, si potrebbero fare interventi importanti per mettere in sicurezza buona parte del nostro disastrato territorio.
      Buona giornata Tiziano
      enrico

      Elimina

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM