saluto


martedì 12 novembre 2013

È morta la ragazza che non invecchiava.

Aggiorno un mio vecchio post del 2010 sulla "bambina che non invecchiava mai"


USA Baltimora: Brooke Greenberg la ragazza col corpo da bimba.
Brooke Greenberg (nella foto  in braccio alla sorella minore) ha 16 anni ma il suo corpo e il suo cervello ne dimostrano due, è alta 76 cm e pesa 7,3 kg. Ha ancora i denti da latte e la struttura ossea è simile a quella di una bimba di dieci anni, non parla, sorride quando è felice o piange come farebbe un qualsiasi neonato. Il team di medici e scienziati che la segue quotidianamente non trova spiegazioni e non riesce a scoprire l’eventuale presenza di anomalie genetiche o disfunzioni cromosomiche. La mamma di Brooke dice che la sua piccola, terza di quattro sorelle sane, ha già subito sette ulcere perforanti allo stomaco, per motivi inspiegabili è stata in coma per quattordici giorni e ha subito un intervento al cervello per rimuovere un tumore. La ragazzina si è sempre ripresa ma nessuno dei medici sa quale sarà la sua aspettativa di vita.

Brooke Greenberg è morta il 24 ottobre 2013. La bambina/ragazza che non invecchiava mai, si è spenta all’età di 20 anni. Era nata e vissuta a Reistertown nel Maryland. Soffriva di una malattia sconosciuta e ha trascorso la sua esistenza amata e vezzeggiata sempre tra le braccia dei genitori e delle sorelle.


18 commenti:

  1. Un fatto davvero sconcertante, un mistero non svelato.
    Non conoscevo questa storia, ora si pensa che il suo codice genetico possa portare alla risoluzione di vari problemi legati alla vecchiaia, specie al morbo di Parkinson.
    Ho letto che esistono altri 2 casi nel mondo simile a questo...
    Grazie per questa notizia Enrico, molto interessante.
    Un abbraccio, buonanotte

    RispondiElimina
  2. Ho letto che studieranno il suo DNA per capire il mistero di questa giovane donna. Non sapevo invece che ci sono altri due casi. Buona serata Betty, un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
  3. Non conoscevo questa triste realtà, quanto ancora devono imparare gli scienziati...

    Ti abbraccio, Enri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ce ne fosse bisogno, questo è uno dei tanti esempi per cui è un delitto tagliare i fondi alla ricerca.
      Buona giornata Gianna, un abbraccio
      enrico

      Elimina
  4. Grazie caro Enrico di questa uinteressante notizia, ecco un argomento che tutti gli scienziati dovrebbero interessarsi e fare molte ricerche.
    Buona giornata con un abbraccio forte.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente cercheranno di capire cosa bloccasse la crescita e l'invecchiamento. Come al solito però dipenderà molto dai fondi a disposizione per la ricerca.
      Buona notte caro Tomaso
      enrico

      Elimina
  5. se il suo studio porterà alla soluzione di qualche problema o malattia ben venga ...quello che spero che non venga usata come cavia e niente più .....non sapevo della sua esistenza a volte la vita è cosi.....grazie enrico ...buona giornata ...un sorriso....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ulcere, tumore al cervello, coma, ne ha avuti di guai. Ora che è morta non soffre più e al massimo potranno studiare tutti i dati che avranno raccolti in 20 anni.
      Dolce notte Barbara.
      enrico

      Elimina
  6. Ciao Enrico, concordo assolutamente con te quando dici che è un delitto tagliare i fondi alla ricerca, solo gli "ottusi" non lo capiscono desertificando così il futuro, li dove ci sarebbe da tagliare, non si sa il perché, non tagliano mai !
    Un abbraccio simbolico alla dolce Brooke ed uno virtuale a te!

    RispondiElimina
  7. Forse per fare certe economie si dovrebbe intaccare il potere di certe lobbies che sono in grado di influenzare le decisioni del governo. Qualche volta mi sembra di vivere in un paese dove ci sono ancora le caste e tutto il popolo appartiene alla casta dei paria (oppressi).
    Sciarada contraccambio con piacere il tuo abbraccio virtuale
    enrico

    RispondiElimina
  8. Putroppo si sa molto poco su queste rare malattie genetiche.
    Speriamo che la ricerca faccia importanti passi avanti per lo studio e la cura di questi casi.

    Buona serata Enrico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il discorso è sempre lo stesso, per trovare cure adatte, si deve investire nella ricerca e invece sono i cittadini che spesso si autotassano per finanziarla. Vedi campagne contro tumori, sclerosi multipla, eccetera.
      Buona giornata Lucia, un abbraccio
      enrico

      Elimina
  9. Scusa se lo dico brutalmente, ma è meglio per lei. Forse dove si trova adesso riuscirà a crescere ed a stare bene. Ciao Enrico, buon fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sua breve esistenza è stata molto tribolata e immagino che oltre agli interventi che ha subito, l'avranno sottoposta a moltissimi esami per cercare di capire la sua patologia.
      Buon fine settimana Elio
      enrico

      Elimina
  10. Esse é mais um mistério que a vida coloca diante de cada um de nós de forma diferente ,porém com muita reflexão, cada um analisa da forma como lhe toca o coração.
    beijos
    Joelma

    RispondiElimina
  11. Vedere l’impotenza della scienza sconvolge e lascia molta tristezza in fondo al cuore.
    Buon fine settimana Joelma, un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
  12. Purtroppo tagliano sempre fondi per la salute e l'ora di dire basta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si può rinunciare quasi a tutto, escluso ovviamente cibo ed acqua. Che senso ha penalizzare la ricerca sulla salute?
      Buon fine settimana Vincenzo
      enrico

      Elimina

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM