saluto


venerdì 6 dicembre 2013

Le macchine a spalla sono patrimonio immateriale UNESCO


Le macchine per portare a spalla ceri e statue nelle processioni religiose, considerate l’espressione della spiritualità di quattro comunità, sono diventate patrimonio immateriale dell'Umanità. 
I Gigli di Nola, La Faradda di li Candareri di Sassari, la Varia di Palmi e la Macchina di Santa Rosa di Viterbo, sono stati iscritti nella Lista UNESCO.
*La processione dei gigli di Nola, dedicata al patrono S. Paolino, vede sfilare per il paese, torri decorate alte 25 metri, denominate "gigli". L'evento commemora la liberazione del santo che sacrificò se stesso e i suoi averi per liberare la città dai Visigoti e fu accolto dai cittadini con dei gigli.   
*La Varia di Palmi è la festa dedicata a Maria Santissima della Sacra Lettera. Un enorme carro denominato "Varia" percorre le vie del paese sostenuto da 200 portatori. La Macchina rappresenta l'universo e l'assunzione in cielo della Vergine Maria.
*A Sassari grandi colonne di legno, che simboleggiano dei ceri, sono portate in una processione danzante fino alla chiesa di Santa Maria di Betel. La processione è in onore della Madonna Assunta che fece un voto per salvare la città dalla peste. SARDEGNA
*La Macchina di Santa Rosa è una struttura alta quasi 30 metri trasporta a braccia lungo un percorso che si snoda fra le vie di Viterbo lasciate al buio.

*****
Nel patrimonio UNESCO è stata inserita anche la “dieta mediterranea”, un'altra specialità italiana. 

6 commenti:

  1. Ciao Enrico, ma che bella notizia! Sono davvero contenta che qualcuna delle nostre tradizioni sia riconosciuta e protetta dall' Unesco!
    Un abbraccio e buon fine settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna c'è ancora chi fa conoscere le tradizioni che noi spesso non sappiamo valorizzare.
      Buon fine settimana Sciarada, un abbraccio
      enrico

      Elimina
  2. Ne sono felice Enri, grazie della notizia...
    Un abbraccio a te e buon fine settimana :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È piacevole scoprire che alcune nostre tradizioni sono degne di essere salvaguardate. Strano che la festa dei Ceri di Gubbio, dedicata a San Ubaldo, non sia stata inserita in questo gruppo.
      Buon fine settimana Betty, un abbraccio
      enrico

      Elimina
  3. Caro Enrico post grandioso!!! MI è quasi impossibile arrivarci da tutti...
    Ma un saluto in fretta lo faccio...
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao caro Tomaso, grazie e buon fine settimana
      enrico

      Elimina

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM