saluto

https://amici-in-allegria.blogspot.it/

lunedì 12 maggio 2014

Eravamo messi veramente male - Tahca Ushte


Eravamo messi veramente male
Prima che arrivassero i nostri fratelli bianchi per fare di noi degli uomini civilizzati, non avevamo alcun tipo di prigione. Per questo motivo non avevamo nemmeno un delinquente. Senza una prigione non può esservi alcun delinquente. Non avevamo né serrature, né chiavi e perciò, presso di noi non c'erano ladri. Quando qualcuno era così povero, da non possedere cavallo, tenda o coperta, allora egli riceveva tutto questo in dono. Noi eravamo troppo incivili, per dare grande valore alla proprietà privata. Noi aspiravamo alla proprietà, solo per poterla dare agli altri. Noi non conoscevamo alcun tipo di denaro e di conseguenza il valore di un essere umano non veniva misurato secondo la sua ricchezza. Noi non avevamo delle leggi scritte depositate, nessun avvocato e nessun politico, perciò non potevamo imbrogliarci l'uno con l'altro. Eravamo messi veramente male, prima che arrivassero i bianchi, ed io non mi so spiegare come potevamo cavarcela senza quelle cose fondamentali che, come ci viene detto, sono così necessarie per una società civilizzata.


* ¥ * ¥ * ¥ * ¥ * ¥ *

La terra non appartiene all'uomo,
È l'uomo che appartiene alla terra
e tutte le cose sono collegate
come il sangue di una famiglia.
Qualunque cosa capita alla terra,
capita anche ai figli della terra,
quindi non è stato l'uomo a tessere
la tela della vita, egli ne è soltanto un filo.
Qualunque cosa faccia alla tela la fa a se.

"Tahca Ushte" cioè Cervo Zoppo è stato un medico stregone dei Sioux del Dakota, 1903-1974, ha vissuto nella riserva Rosebud nel Sud Dakota.  

21 commenti:

  1. sai ho un libro sui nativi (ho tanti libri) ma in uno e scritto proprio questa della società cicilizate, quando avevo ancora mio vecchi blog On Eagle's Wings lo ho pubblicato ora cedo di rifarlo nuovamente... grazie a te... felice settimana Pif <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo riporto l'intero testo mi piace come lo hai fatto ...

      Elimina
    2. Ciao Pif ricordo benissimo il tuo vecchio blog e sinceramente non ho mai capito perché l’hai cancellato.
      Buona giornata un amichevole abbraccio.
      enrico

      Elimina
  2. La saggezza degli indiani...
    Credo avrebbero sicuramente fatto a meno della "civilizzazione" dei fratelli bianchi-...visti i risultati del mondo cosiddetto civilizzato.

    Ciao Enrico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche oggi continuiamo a fare lo stesso errore, per depredarli delle loro terre e delle loro ricchezze naturali ‘portiamo la civiltà’ a gruppi che fino a poco tempo fa vivevano felici nella foresta in armonia con la natura.
      Buona giornata Pino
      enrico

      Elimina
  3. Ciao Enrico, la cultura indiana è meravigliosa. Il loro linguaggio è sintetico ma incredibilmente significativo e profondo, i loro canti espressivi ed intensi, la loro capacità di leggere negli occhi degli altri è straordinaria, la loro saggezza infinita. Un grande popolo che ha avuto la sfortuna di trovarsi davanti chi crede di essere superiore. Ed è proprio chi crede di essere padrone della terra e di avere il diritto di sterminare tutto ciò che desidera a non rendersi conto che la superiorità appartiene a chi, la ricchezza, l'ha dentro di se.
    Un abbraccio

    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La nostra civiltà basata sui consumi e sull’apparire è tanto presuntuosa da credere che il valore delle persone si possa calcolare in base a ciò che possiedono. I guai che questa mentalità ha provocato li vediamo ogni giorno.
      Buona giornata Cristina un abbraccio
      enrico

      Elimina
  4. Leggendo mi sono scoperta incivile, è bellissimo!
    Ciao Enrico e buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Ciao Sciarada pensa come sarebbe bello tornare a vivere in simbiosi con la natura.
      Buona giornata un abbraccio
      enrico

      Elimina
  5. Avrei voluto far parte del popolo indiano!
    Visto come va il mondo...preferisco imparare da loro.
    Ciao Enrico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La ‘civilizzazione’ e la tecnologia hanno certamente portato alcuni vantaggi ma se pensiamo a chi passa ore a lavorare chiuso in una fabbrica per procurarsi il minimo indispensabile per vivere, allora molto meglio quando si viveva liberi nella natura condividendo tutto con gli altri membri della tribù.
      Buona giornata Pia un abbraccio
      enrico

      Elimina
  6. devo dire delle belle riflessioni ci vantiamo ci civilizzare il mondo forse non è proprio cosi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa buffa o tragica, dipende dai punti di vista, è che ci sono persone ‘civilizzate’ che passano magari ore in fila per avere il nuovo smartphone o il tablet appena uscito. La cosa triste è che sono convinte di essere dei privilegiati che stanno un gradino sopra agli altri.
      Buona giornata Carmine
      enrico

      Elimina
  7. riflessioni che fanno riflettere,belle le parole di Cervo zoppo
    buona giornata Enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella loro semplicità hanno avuto menti illuminate che sono state criminalizzate perché volevano vivere rispettando la natura e combattevano gli invasori per conservare le loro tradizioni e le loro terre.
      Buona giornata Gabe un abbraccio
      enrico

      Elimina
  8. Ciao
    una bella riflessione. Un popolo saggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un popolo che chiedeva solo di vivere nelle loro terre rispettando le loro tradizioni. Il risultato è che sono stati confinati nelle riserve.
      Buona giornata Roby un abbraccio
      enrico

      Elimina
    2. http://haylin-robbyroby.blogspot.it/2014/05/top-of-post-19-maggio-2014.html E' uno dei post migliori letti la settimana scorsa.

      Elimina
    3. Roby mi fa piacere sapere che il post ti è piaciuto e ti ringrazio per averlo segnalato.
      Buona giornata un abbraccio
      enrico

      Elimina
  9. Anche a me fa piacere che Roby abbia segnalato questo tuo post perché io arrivo proprio dal suo blog!
    Abbiamo così tanto da imparare dalle culture diverse dalla nostra, ma purtroppo non ce ne rendiamo nemmeno conto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Koko è verissimo quello che scrivi. Purtroppo per superficialità, presunzione, ignoranza siamo arrivati a sottovalutare culture per le quali le cose importanti erano la natura e l'uomo, a loro non interessava solo 'apparire'.
      Buona giornata
      enrico

      Elimina

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM