saluto


venerdì 10 ottobre 2014

Nobel pace 2014 a Malala Yousafzai e Kailash Satyarthi


Il Nobel per la Pace 2014 è andato a Malala Yousafzai, la ragazzina pakistana vittima di un attentato talebano nel 2009 quando aveva solo 12 anni (perché difendeva il diritto delle bambine allo studio nella valle dello Swat) e all’indiano, Kailash Satyarthi, 60 anni, attivista dei diritti dei bambini.
La coppia di attivisti è stata premiata dal comitato di Oslo per la loro battaglia a favore dei bambini e del loro diritto all’istruzione. 
Queste le motivazioni spiegate nel documento:

«I bambini devono poter andare a scuola e non essere sfruttati per denaro. Nei Paesi più poveri del mondo, il 60 per cento della popolazione ha meno di 25 anni d’età; ed è un prerequisito per lo sviluppo pacifico del mondo che i diritti dei bambini e dei giovani vengano rispettati. Nelle aree devastate dalla guerra, in particolare gli abusi sui bambini portano al perpetuarsi della violenza generazione dopo generazione»

8 commenti:

  1. Ecco un motivo che le donne come questa non debbono nascondere il proprio viso.
    Se pensiamo a quelle leggi che gli e lo impediscono.
    Grazie caro Enrico che con questo post fai conoscere a tutti quello che le donne valgono.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In molti paesi del mondo i minori sono ignobilmente sfruttati e la loro infanzia violata. Malala, che chiedeva solo di poter studiare, a 12 anni divenne la vittima della stupidità umana. Per fortuna l’hanno salvata!
      Buon fine settimana Tomaso
      enrico

      Elimina
  2. Questa volta Nobel bene assegnato, i bambini sono il futuro e non devono essere toccati, ma istruiti.

    Buon fine settimana con un abbraccio, Enri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È giustissimo aver assegnato il Nobel a chi si batte per provare a dare un futuro degno di essere vissuto alle generazioni future.
      Buon fine settimana Gianna un abbraccio
      enrico

      Elimina
  3. una bella scelta per il nobel io l'ho molto apprezzato

    RispondiElimina
  4. Anche a me questa è sembrata una scelta oculata.
    Buon fine settimana Carmine
    enrico

    RispondiElimina
  5. I Nobel per la pace, sono un'esempio per tutte le generazioni future.
    Credo che per loro, soprattutto per la ragazza, sia più che meritato.
    Ciao Enrico.

    RispondiElimina
  6. Ammiro questa ragazza, nonostante la giovane età e l'attentato subito, non si è fatta intimorire e continua la battaglia per il diritto all’istruzione.
    Buona giornata Pia un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM