saluto


lunedì 5 gennaio 2015

Non ci sono più le Befane di una volta :-)


WOOW... Ciao Befanina ti vedo in forma perfetta, passano i secoli e tu migliori. Sei stata dall'estetista?
Quel sacco con i regali deve essere pesante se vuoi ti do una mano, così provo anche la mia nuova scopa ad alimentazione ibrida.(◕_◕)


******
L'Epifania è un'importante ricorrenza strettamente attinente alla religione, la Befana invece è un’antica figura pagana, che ai tempi dell’antica Roma, era festeggiata il dodicesimo giorno dopo il Dies Natalis Solis Invicti (25 Dicembre), che cadeva a poca distanza dal Solstizio d’Inverno. In questa data  veniva celebrata la rinascita della natura che era rappresentata dalla figura pagana di Madre Natura. La notte del 6 gennaio, Madre Natura affaticata per tutte le energie spese durante l’anno appariva sotto forma di una vecchia e rinsecchita strega benevola, pronta per essere bruciata, poi dalle sue ceneri sarebbe rinata una Giovane Natura. Un'altra ipotesi collegherebbe la Befana con un’antica festa romana, che si svolgeva sempre in inverno, in onore di Giano e Strenia (da cui deriva anche il termine "strenna") durante la quale ci si scambiavano regali.
Già dal IV secolo d.C. la Chiesa di Roma cominciò a condannare tutti i riti e le credenze pagane, definendole un frutto di influenze sataniche. Infatti, la Befana fu rappresentata su una scopa volante, antico simbolo e strumento di stregoneria. Però con il passare del tempo, la figura di questa vecchina particolare un po’ strega, fata, maga generosa e burbera è stata assorbita dal cattolicesimo.

Vecchi post sulla Befana, l'Epifania e la a leggenda della vecchina che porta i regali ai bambini.

12 commenti:

  1. Ciao Enrico, è proprio così, le Befane di un tempo non ci sono più. Adesso, questa festa, è soltanto commerciale, purtroppo. Com'era bello, quando da bambina, aspettavo in ansia l'arrivo della befana davanti alla porta di casa insieme ad altri bambini del quartiere, per ricevere in dono le caramelle :-)
    La semplicità è stata messa da parte per far posto all'alta tecnologia, ma si è perso tutto quel patrimonio culturale e folcloristico che alimentavano l'immaginazione e la fantasia. Ma forse, è normale così, i tempi cambiano!

    Un abbraccio e buona Epifania,

    Cristina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I giochi erano semplici e bastavano pochi dolcetti per farci felici. La cosa più importante erano gli amici con i quali si poteva giocare. È giusto che i bambini stiano al passo con i tempi ma oggi spesso giocano da soli con oggetti tecnologici che non stimolano la fantasia.
      Buona giornata Cristina un abbraccio
      enrico

      Elimina
  2. Uno dei pochissimi ricordi da bambina: ero seduta accanto al camino e qualcuno bisbigliò: sta arrivando la Befana, mi spaventai moltissimo, avevo paura di vedere la brutta vecchietta...però l'aspettavo per le caramelle e qualche cioccolatino.

    Altri tempi, Enrico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gianna chissà perché i personaggi dei racconti per bambini sono spesso esseri da incubi notturni. Vedi moltissime fiabe popolate da streghe, bimbi abbandonati, lupi cattivi eccetera. Mancava solo la Befana brutta lacera e a cavallo di una scopa. :-)
      Buona giornata un abbraccio
      enrico

      Elimina
  3. Caro Enrico, una volta la befana faceva paura ai bambini, ma nello stesso tempo avevano una speranza che facendosi molto buoni le avrebbe portato dei regali, confesso che ci credevo:-)
    Ora non resta che un sogno, oggi tutto è cambiato!!!
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tomaso a ben vedere la differenza tra le streghe cattive delle favole e la Befana, è solo una calza nella quale si spera di trovare un dolcetto o un regalino.
      Ciao caro Tomaso buona giornata
      enrico

      Elimina
  4. Il fascino di questa vecchietta volante non tramonta mai...
    Sei stato buono Enrico??
    Buona Epifania!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lucia io sono stato buonissimo... ho finito tutti gli avanzi di Natale e di Capodanno (◕_◕)
      Buona giornata un abbraccio
      enrico

      Elimina
  5. Quando io ero bambina ,in Sicilia la tradizione della Befana era quasi sconosciuta ,ma adesso con la globalizzazione anche delle tradizioni viene festeggiata dappertutto. Però siamo stanchi di tante feste troppo vicine....
    Un caro saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai si sfrutta commercialmente ogni ricorrenza. Per fare un esempio, i regali ai bambini prima li portavano o Santa Lucia o Babbo Natale o la Befana. Oggi in molte località, capita che i doni arrivino da tutti e tre. :-)
      Buona giornata Cettina un abbraccio
      enrico

      Elimina
  6. Il titolo del tuo post mi ha ricordato la favola Befane moderne
    Quest'anno, visto i tempi che corrono, ho preferito inventare una favola con la Befana, versione nonnina buona, dei miei ricordi... nella calza ci trovavo qualche caramella e dei mandarini e ne ero felicissima perché ci si accontentava di poco ma... si era molto più felice!
    Uno dei lati negativi della modernità è che ha tolto queste piccole/grandi gioie ,-(
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Per fortuna la maggior parte dei bimbi possono ancora contare sui nonni. I ritmi della vita moderna riducono moltissimo il tempo che i genitori che lavorano riescono a dedicare ai figli. I bambini senza i nonni passerebbero molto del loro tempo davanti alla TV o a giocare con giocattoli tecnologici. Buona vita ai nonni e viva la Befana.
    Buona giornata nonnAnna
    Un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM