saluto


venerdì 12 giugno 2015

12 giugno: Giornata mondiale contro il lavoro minorile


L'UNICEF combatte da sempre la piaga del lavoro minorile, che mette a rischio la salute mentale e fisica dei minori e li condanna ad una vita senza svago né istruzione. Questa agenzia delle Nazioni Unite, fondata l'11 dicembre 1946 fa una distinzione tra child labour - sfruttamento economico in condizioni nocive per il benessere psico-fisico del bambino - e children's work, una forma di attività economica più leggera e tale da non pregiudicare l'istruzione e la salute del minore.
Secondo l'Organizzazione Internazionale del Lavoro, in tutto il mondo ci sono 250 milioni di bambini al di sotto dei 14 anni che sono costretti a lavorare; fra questi 120 milioni i bambini tra i 5 e i 14 anni che lavorano a tempo pieno, moltissimi quelli che svolgono attività pericolose. Secondo queste statistiche le  vittime delle peggiori forme di sfruttamento (lavoro forzato, prostituzione, produzione di materiale pornografico, arruolamento nei conflitti armati) sono 8 milioni. Il fenomeno del lavoro minorile è concentrato soprattutto nelle aree più povere del pianeta ma non mancano casi anche nelle aree marginali del Nord del mondo. 
Tra le peggiori forme di lavoro minorile rientra anche il lavoro di strada, ovvero l'impiego di tutti quei bambini che, cercano di sopravvivere vivendo come mendicanti o raccogliendo rifiuti da riciclare, vendendo cibo e bevande o vittime dello sfruttamento sessuale.
Nei  dossier dell'ILO e Save the Children si legge che il lavoro minorile è presente anche in Italia e riguarda  almeno 340.000 minori sotto i 16 anni, di cui 28.000 coinvolti in attività molto pericolose per la loro sicurezza, la salute e ai limiti dello sfruttamento.

6 commenti:

  1. Se ne parla, ma a qualcuno interessa veramente risolvere il problema di questa grossa piaga ?

    Ti abbraccio, Enri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si fanno convegni, si fanno promesse,
      OGNI ANNO STESSE FRASI ma cambia poco o nulla.
      Buon fine settimana Gianna ti abbraccio
      enrico

      Elimina
  2. Olá, Visitei e adorei o seu blog. Gostei muito dos seus textos e li vários trechos da sua exposição e conteúdo. . Fiquei bem animada e daqui pra frente, estarei sempre por perto vendo as novidades.
    Venha conhecer o meu Blog também. Tenho certeza que vai gostar http://www.oslivrosdaminhabiblioteca.blogspot.com.br/
    Um grande abraço. NILDA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nilda ti ringrazio per il tuo lusinghiero e graditissimo commento. Ho guardato il tuo blog e lo trovo interessante perché inviti alla lettura facendo la recensione dei libri che leggi. Felice domenica, un abbraccio
      enrico

      Elimina
  3. Ciao Enrico, e uno di problemi gravi della coscienza umana.. piangiamo per i nostri figli qui... ma nessuno pernsa veramente ai bambini nel mondo .. vorrei condividere qui con te un link di una canzone di Franco Madau https://www.youtube.com/watch?v=ef2l96gdTVs

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace molto il testo di questa canzone. Ogni volta che vediamo soffrire un bambino ci chiediamo: Perché, perché, perché proprio lui!
      Felice giornata cara Rebecca un abbraccio
      enrico

      Elimina

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM