saluto


giovedì 17 settembre 2015

Benedetto sia ’l giorno - Francesco Petrarca -


Benedetto sia 'l giorno


Benedetto sia 'l giorno, e 'l mese, e l'anno,
e la stagione, e 'l tempo, e l'ora, e 'l punto,
e 'l bel paese, e 'l loco ov'io fui giunto
da' duo begli occhi che legato m'hanno;

e benedetto il primo dolce affanno
ch'i'ebbi ad esser con Amor congiunto,
e l'arco, e le saette ond'io fui punto,
e le piaghe che 'nfin al cor mi vanno.

Benedette le voci tante ch'io
chiamando il nome de mia donna ho sparte,
e i sospiri, e le lagrime, e 'l desio;

e benedette sian tutte le carte
ov'io fama l'acquisto, e 'l pensier mio,
ch'è sol di lei, sì ch'altra non v'ha parte.

4 commenti:

  1. Sono dolcissimi questi versi d'amore ...é come una musica che ti accarezza il cuore ...Ciao Enrico ....

    RispondiElimina
  2. Sono versi che partono dal cuore e descrivono il conflitto interiore che vive il poeta da quando vide per la prima volta Laura la donna che lui ama.
    Felice giornata Bianca, un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
  3. Un primo incontro che non si dimentica, benedetto quel giorno...

    RispondiElimina
  4. Sarà anche una frase fatta, ma è impossibile scordare il primo incontro e il Petrarca l'ha descritto in modo dolcissimo.
    Felice giornata Carla un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM