saluto

lunedì 1 febbraio 2016

Villa Necchi Campiglio - Milano


Villa Necchi Campiglio si trova a Milano in via Mozart 14.
Progettata dall’architetto Piero Portaluppi, fu costruita tra il 1932 e il 1935 per un nucleo familiare dell’alta borghesia industriale lombarda (macchine da cucire Necchi, e oggetti in ghisa). La villa ha un ampio giardino, campo da tennis, la piscina ed è ancora oggi un  esempio architettonico esteticamente e funzionalmente molto apprezzabile.
La residenza, donata al FAI dalle due sorelle Gigina e Nedda nel 2001, è diventata dopo i lavori di restauro e l’apertura al pubblico nel 2008, una casa museo. 
Preziose le guide del FAI per le visite della villa.
La villa conserva buona parte degli arredi originali ed è arricchita da collezioni d’arte che annoverano opere di Balla, Boccioni, De Chirico, Morandi, Sironi, Wildt e le principali avanguardie dei grandi artisti del secolo scorso. Un’altra collezione è costituita da  dipinti del Canaletto, Tiepolo, Rosalba Carriera  e arti decorative del XVIII secolo, oltre a preziose porcellane cinesi e maioliche lombarde. Passeggiando nelle sale, cucine e bagni ancora dotati degli impianti  originari, grazie agli arredi, ai quadri e a tutti i piccoli particolari che arricchiscono le sale, ci sono persino gli armadi coi vestiti e i cappellini dell’epoca, sembra di compiere un viaggio a ritroso nel tempo. 
Dopo la fine della guerra, l’architetto Tommaso Buzzi apportò alcuni cambiamenti adeguando lo stile degli interni al gusto per l’antico diffuso nelle dimore milanesi di quel periodo.




>MILANO< clik

12 commenti:

  1. allora come devo fa per togliere le finestre pubblicitarie perchè gia l'altra settimana l'ho portato a riformattare te sai qualcosa de pc !!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marianna io non sono un tecnico, non so cosa dirti, mi spiace.
      Buona giornata, un abbraccio
      enrico

      Elimina
  2. Che bella villa caro Enrico ..si vede che non è più una signorina..ma ha fatto un restyling meraviglioso..
    Bacione amico caro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il FAI ha fatto un bel lavoro di restauro salvaguardando un esempio di come si costruiva e come viveva la classe imprenditoriale dell’epoca.
      Felice giornata cara Nella.
      Un abbraccio
      enrico

      Elimina
  3. Niente da dire. Milano è una città i cui tesori sono di un'eleganza estrema. Qui la ricchezza nata dalla produzione si accompagna al gusto per l'arte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non per essere maleducata ma ci dimentichiamo Roma con la sua arte e la sua magia?

      Elimina
    2. Un arredamento ovviamente datato ma di classe, niente di pacchiano.
      Felice serata Ambra un abbraccio.
      enrico

      Elimina
  4. Uno scrigno, molto bella e piena di oggetti preziosi! Ciao Enrico buona giornata!:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovunque ci sono quadri, sculture, ceramiche, porcellane...
      Felice serata Rita un abbraccio
      enrico

      Elimina
  5. Oh Enrico!
    La ringrazio molto per la bella postale e un meraviglioso collage.
    Saluti:)
    Lucia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Queste ville volute dagli industriali degli anni trenta avevano tecnologie molto avanzate per l’epoca.
      Per esempio questa piscina è stata la prima piscina privata di Milano. La casa aveva già ascensore, montavivande, citofono….
      Felice serata Łucja
      Un abbraccio
      enrico

      Elimina

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM