saluto

https://amici-in-allegria.blogspot.it/

lunedì 4 aprile 2016

Giornata internazionale contro le mine antiuomo


Nel 1997 le Nazioni Unite hanno dichiarato il 4 aprile: Giornata internazionale contro le mine antiuomo, ma anche contro le bombe Cluster, gli Ieds, le Valmara, e i 'Pappagallo verdi'.
Nel mondo sono circa 100 milioni le mine antiuomo  che ogni anno colpiscono circa 20,000 persone che se non muoiono subito, restano martoriate e mutilate.
Staffan de Mistura, inviato speciale Onu in tante zone di guerra ha dichiarato all'ANSA: "Odio questi ordigni perché colpiscono, ad anni di distanza dai conflitti, persone innocenti, contadini che tornano a lavorare i campi ma soprattutto i bambini perché sono quelli che corrono di più e sono curiosi". Anche il Papa ha invitato i fedeli a pregare per la pace e per un mondo senza mine che mutilano ed uccidono.
È dal 1997 che si cerca di ottenere la messa al bando di queste armi. Ad oggi i paesi aderenti sono 156, compreso l’Afghanistan, dove 14.400 persone sono state impiegate nella distruzione di oltre un milione di residui bellici esplosivi. Tra gli assenti Stati Uniti, Russia, Cina, India, Israele, Turchia.(fonti Web)


***
Ovviamente plaudo a queste iniziative atte a salvaguardare vite umane, però… però c’è un però.
Personalmente trovo ripugnante e ipocrita l’indignazione limitata a questi ordigni. Sembra quasi che sparare con una mitragliatrice, usare carri armati, bombardare con aerei, sia meno esecrabile che usare mine antiuomo o gas. Vivo a Milano dove solo pochi decenni fa, il 20 ottobre 1944, durante la seconda guerra mondiale, il bombardamento del quartiere di Gorla (oggi dista 9 fermate di metropolitana da piazza Duomo) provocò circa 700 vittime, 184 erano bambini che si trovavano nella scuola  elementare "Francesco Crispi".
Oggi “errori” e orrori di questo tipo si ripetono ancora nei paesi martoriati dalle guerre.
Si devono mettere al bando tutte le armi non solo le mine antiuomo.
L’essere umano ha trasformato il nostro piccolo e meraviglioso pianeta in un mondo di merda!

19 commenti:

  1. Non sapevo di questa ricorrenza...e sono d'accordo con il tuo pensiero finale!
    Buona settimana Enrico :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi sono ricordato solo perché nel telegiornale di ieri ho sentito il Papa fare un accenno a questa giornata.
      Ciao Sontina, buona giornata un abbraccio
      enrico

      Elimina
  2. Non conoscevo pure io questa ricorrenza, ma partecipo pienamente, ma credo che bisognerebbe vietarne la costruzione, ma già per i soldi fanno tutto:(
    Ciao e buon inizio delle settimana caro Enrico.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo le lobbies che si occupano degli armamenti sono tanto potenti da poter condizionare la politica mondiale.
      Buona giornata caro Tomaso
      enrico

      Elimina
  3. Terribile! E' proprio come dici tu. L'uomo è uno stupido essere che ama la distruzione in tutte le sue forme, se ne inventa gli strumenti in continuazione. Contro la natura, contro gli animali, gli altri uomini, quelli che non la pensano come lui e via dicendo. Ma quello che lo rende ancora più stupido è il fatto che si sta anche autodistruggendo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il nostro pianeta sarebbe ancora in grado di sfamare e dare un luogo in cui vivere dignitosamente a tutti gli abitati ma l’avidità e la crudeltà di pochi esseri riescono a condizionare l’esistenza d’intere popolazioni.
      Ciao Ambra felice giornata, un abbraccio
      enrico

      Elimina
  4. La maggior parte degli uomini purtroppo sa solo distruggere, l’avidità e la sete di potere rendono ciechi e sordi…
    Felicità illusoria… E’ la totale mancanza di rispetto per ogni forma di vita…
    Qualsiasi arma è l'anti-vita, è l'anti-umanità... prima di difendere UCCIDE!
    Un abbraccio caro Enrico, e buona settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Betty sono giustissime le tue considerazioni. Ogni giorno assistiamo alle tragedie che colpiscono milioni di persone costrette a fuggire da guerre, fame, malattie. Poi ci si accorge che con le risorse spese per gli armamenti potrebbero tranquillamente vivere tutti dignitosamente.

      Elimina
  5. Pia scusami ho involontariamente cancellato il tuo gradito commento. Io volevo solo eliminare quello che avevi già eliminato tu ma qualche cosa non ha funzionato nel modo giusto.
    Felice giornata, un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
  6. Che dire Enrico, noi abbiamo le giornate internazionali ma poche risoluzioni valide, un abbraccio e buona giornata !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se servono risorse per costruire nuove portaerei, progettare nuovi aerei da combattimento, fare carri armati più distruttivi, bombe più micidiali o fucili con maggior potenza di fuoco, i soldi ci sono. Se un bambino ha fame o ha bisogno di cure che costerebbero pochi spiccioli allora mancano le risorse e si deve sperare nella solidarietà e nel volontariato.
      Ciao Sciarada buona giornata, un abbraccio
      enrico

      Elimina
  7. Quante vittime... di cui parla quasi mai nessuno... mi ricordo ancora quando Lady Diana Spencer lottavo contro questo crimine contro la umanità... e sono passati tutti questi anni... e siamo ancora li a discutere, proprio vergognoso :( ...

    un abbraccio caro Enrico.... Bussi Pif

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rebecca sembra proprio che conti solo in profitto. Si fanno sempre tante chiacchiere ma in tutto il mondo si continuano a costruire armi sempre più micidiali.
      Ciao cara Pif, buona giornata, un abbraccio.
      Bussi
      enrico

      Elimina
  8. Hai ragione caro Enrico che mondo sempre più infestato da questi orrori che si estendono a macchia d'olio, senza pensare alla morte e alla distruzione di cose, animali, persone di ogni età..
    E nulla sembra fermarsi, tutti uno contro l'altro..
    brutto mondo guerrafondaio..
    Bacio serale caro zio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È banale dirlo ma uccidere ovviamente è sempre un atto criminale. Sembra però che si cerchi il modo di rendere sempre più invalidante e doloroso il danno provocato dagli ordigni. Sadicamente è meglio costruire una mina che fa degli invalidi che soffriranno per tutta la vita e dovranno essere curati, piuttosto che dei morti. L’accostamento non sembri irriverente ma guardiamo anche la crudeltà inutile con la quale si macellano gli animali.
      Questo è il mondo in cui viviamo.
      Buona giornata cara Nella.
      Un abbraccio
      enrico

      Elimina
  9. si sono d'accordo con tutte le armi non solo le mine anti uomo le altre non fanno mica bene e sempre più civili sono coinvolti

    RispondiElimina
  10. Chi oggi respinge alle frontiere le persone che fuggono dai loro paesi sconvolti dalla guerra, forse non ha avuto padri o nonni che sono stati coinvolti e magari sono morti nell'ultimo tragico conflitto che ha sconvolto il mondo intero.
    Ciao Carmine buona giornata
    enrico

    RispondiElimina
  11. Ciao Enrico!Sembra proprio che lo sviluppo ed il progresso non corrispondono ad un miglioramento dell'animo umano!C'è qualcosa di sbagliato che ci sfugge se l'umanita' non migliora mai e prevale sempre l'odio fino ad arrivare all'autodistruzione!E' spaventoso!
    Ciao Buona Domenica!

    RispondiElimina
  12. È tragico costatare che gli errori del passato non ci hanno insegnato nulla. Con le guerre si incrementano solo odio e ingiustizie ma non si risolve nulla.
    Ciao cara Rita buona giornata
    Un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM