saluto


lunedì 14 novembre 2011

Foresta Amazzonica


Foresta Amazzonica
La foresta Amazzonica supera i 7 milioni di km² è situata per circa il 65% in territorio brasiliano, ma si estende anche in Colombia, Perù, Venezuela, Ecuador, Bolivia, Guyana, Suriname e Guyana Francese. La zona che copre il bacino del Rio delle Amazzoni e dei suoi numerosissimi affluenti, ha ancora zone non completamente esplorate. Unica al mondo per la sua fittissima e impenetrabile vegetazione, che è la più ricca del pianeta, ospita moltissime specie animali.
Gli Indios e i Cablacas vivono per lo più allo stato primitivo, in isolamento, raggruppati in tribù, praticano la caccia, la pesca; s'insediano spesso lungo le sponde dei fiumi, che costituiscono le uniche vie di comunicazione naturale. Purtroppo la cultura e le tradizioni di queste popolazioni stanno sparendo minate dai nuovi conquistatori che distruggono tutto per sfruttare le ricchezze forestali e minerarie della zona. In aree sempre più estese si pratica l'agricoltura, l'allevamento, l'estrazione d’idrocarburi. Più di un quinto della foresta è già stato distrutto e l'intero ecosistema è in pericolo. Nel corso degli anni sono state costruite numerose strade che tagliano la foresta, sono fonti primarie di deforestazione e hanno favorito la costruzione di villaggi lungo il percorso. Per liberare nuovi territori spesso si ricorre a incendi incontrollati, responsabili di elevate emissioni di CO2 che contribuiscono alla formazione dell'effetto serra.
*****
[citazione] Si stima che nella regione vivano circa 2,5 milioni di specie d’insetti, 3.000 specie di pesci, 1.294 specie di uccelli (si pensa che un quinto di tutti gli uccelli viva nella foresta amazzonica), 427 specie di mammiferi, 427 specie di anfibi e 378 specie di rettili e sono state classificate almeno 40.000 specie di piante. Gli scienziati hanno descritto fra le 96.669 e 128.843 specie d’invertebrati solo in Brasile [fonte Wikipedia ].

4 commenti:

  1. La foresta amazzonica è una realtà che tutti insieme dobbiamo difendere, dagli attacchi indiscriminati che ne minacciano la sopravvivenza, così come quella dei suoi abitanti...
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  2. Giustissimo!
    Ciao Sirio buona giornata.
    Ciao
    enrico

    RispondiElimina
  3. X la sua sopravvivenza l'Amazzonia deve temere, oltre alle industrie di carta & legname, soprattutto gli allevamenti intensivi di bestiame(ecco xkè vivere-veg è molto importante x l'equilibrio di tutto il Pianeta!)& le coltivazioni intensive di palme x l'estrazione di olio di palma & di piante di soja, oltre a quelle illegali della pianta di coca, sono questi attualmente i suoi + pericolosi attaccanti ! Ma legate a doppio filo con la foresta pluviale, c'è la sopravvivenza delle sue ultime tribù rimaste ancora in vita e da cui noi avremmo moltissimo da imparare, soprattutto nell'utilizzo delle piante medicinali provenienti proprio dalla stessa Amazzonia, ricca di ogni tipo di rimedi naturali, ke se andassero persi, noi tutti diventeremmo molto + poveri !

    RispondiElimina
  4. Tutti sappiamo che è una zona che dovrebbe assolutamente essere tutelata, ma come al solito conta solo il profitto. Sembra che importi pochissimo o non interessi affatto se i proprietari di quelle terre, oggi ridotti a poche tribù, vengono scacciati, isolati, combattuti. La flora e la fauna sono soggette a distruzioni quotidiane ma... lo scempio continua.
    Ciao Fiore buona serata un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM