saluto


lunedì 21 maggio 2012

Terremoto in Emilia Romagna


Terremoto 20 maggio2012
Un terremoto di magnitudo 6 ha colpito l'Emilia Romagna. La scossa è stata registrata dall'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia alle 4.04, seguita da repliche. L'epicentro è stato nella pianura padana emiliana, 36 chilometri a nord di Bologna. La scossa e le repliche, oltre 150 in ventiquattro ore, sono state avvertite in tutto il Nordest. Le vittime sono sette, un centinaio i feriti e oltre cinquemila gli sfollati. I sismologi dicono: "È l'Appennino che preme sulle Alpi".
******
Guardo le foto in rete e vedo montagne di mattoni, ancora una volta edifici sbriciolati. La scossa non è catastrofica, in altri paesi, dove le costruzioni rispettano parametri antisismici, probabilmente non crollerebbe nulla. Da noi come succede ogni volta, vedi L’Aquila scossa della stessa intensità, ci sono morti e distruzione. Dicono che i nostri centri storici sono vecchi ed è verissimo, ma perché crollano anche capannoni o costruzioni recenti? Perché se a Trieste la bora soffia a oltre 100 km/h succede poco o nulla mentre nel resto d’Italia dopo un pomeriggio con forti raffiche di vento crollano impalcature, volano cartelloni pubblicitari, cadono alberi? È normale che piogge intense provochino le esondazioni dei fiumi, perché da noi franano le colline, interi paesi costruiti letteralmente sui fiumi subiscono distruzioni?
Poi giustamente c’indigniamo quando constatiamo che le persone che hanno perso tutto, sono costrette a vivere per anni o per decenni, in “strutture provvisorie” dove sono alloggiate per superare l’emergenza.
I dati dell’ultimo censimento dicono che nel nostro Paese “ Le famiglie che dichiarano di abitare in baracche, roulotte, tende o abitazioni simili sono 71.101”.

Perché? Perché? Perché?
======
29 maggio 2012
Nuove violente scosse di terremoto con epicentro tra Modena e Ferrara 
La prima scossa alle 9 (5,8 Richter), la seconda alle 12.56 (5,3), numerosi sono stati i crolli di edifici. Si sono avvertiti movimenti anche a Milano, Firenze, Genova, fino in Austria. Il nuovo sisma ha provocato 17 morti, 350 feriti e circa 8000 sfollati. Anche questa volta le vittime si sono avute, in maggioranza, fra coloro che erano già tornati al lavoro, in quei maledetti capannoni industriali, edificati senza considerare che l'Italia è un paese a rischio sismico. Salgono in tal modo a circa 15000 le persone alle quali assicurare un ricovero. Poi bisogna preoccuparsi anche di quelle MERDE bonariamente chiamate "sciacalli".

14 commenti:

  1. Purtroppo caro Enrico, il perché non lo sapremo mai, la natura fa il suo corso, quella regione non era considerata zona sismica, purtroppo cambiano tante cose.
    L'Italia si trova con molti problemi ora si è aggiunto anche questo.
    Buona settimana caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guardando i filmati in TV si vedono case crollate accanto ad altre che non hanno subito nulla. Mi sembra evidente che dipende dal modo in cui sono state edificate.
      Ciao caro Tomaso buona giornata
      enrico

      Elimina
  2. Triste, molto triste ciò che sta accadendo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È tragico ogni volta che vediamo catastrofi, che forse l'uomo potrebbe rendere meno drammatiche, se si costruisse con criteri antisismici.
      Ciao Gianna buona giornata un abbraccio
      enrico

      Elimina
  3. Abito molto vicino alla zona del sisma; veramente una brutta sensazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho mai sentito un vero terremoto, a Milano fortunatamente scosse notevoli non ne ricordo. Certo deve essere una sensazione terrificante.
      Ciao Cavaliere buona giornata
      enrico

      Elimina
  4. Ciao Enrico, quando ho sentito la notizia alla TV francese, senza troppi particolari, mi sono preoccupato anche perché ho dei parenti che vivono a Modena. Sembra che in questa città non ci siano molti danni e loro stanno bene.
    Un pensiero alle 7 vittime ed ai loro familiari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho una zia a Ferrara, per fortuna sta bene, perciò ti capisco.
      Ciao Elio buona giornata
      enrico

      Elimina
  5. ciao Enrico
    di perchè ce ne sarebbero tanti.
    Un grazie di cuore
    lu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo vedere capannoni industriali costruiti da poco, che crollano causando morti, perché non sono soggetti a norme antisismiche particolari, fa male.
      Ciao Lu buona giornata, un abbraccio.
      enrico

      Elimina
  6. ... e che rabbia!
    Ciao Adriana buona giornata, un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
  7. Io ero qui in Abbruzzo nel 2009 e le scosse le ho avvertite tutte!! ...ti assicuro che non è davvero piacevole .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è piacevole stare in casa e sentire la sedia che vibra o il lampadario che si muove. Non ho dubbi che debba essere terrificante vedere le cose che ti crollano attorno.
      Ciao Pixia buon fine settimana, un abbraccio
      enrico

      Elimina

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM