saluto


giovedì 24 aprile 2014

25 Aprile


Festa della liberazione
Il 25 aprile 1945 giorno della liberazione di Milano e Torino, l'esecutivo del Comitato di Liberazione Nazionale dell'Alta Italia proclamò ufficialmente via radio  l'insurrezione e la presa di tutti i poteri. 
Nel 1946 il primo governo provvisorio della Repubblica Italiana decretò il 25 aprile festa nazionale “A celebrazione della totale liberazione del territorio italiano”.



martedì 22 aprile 2014

Giornata della Terra


Earth Day
Nella Giornata della Terra si celebra l'ambiente e la salvaguardia del pianeta Terra. 
Questa 'Giornata' fu istituita dalle Nazioni Unite il 22 aprile 1970 per sensibilizzare le popolazioni sulla necessità di salvaguardare le risorse naturali della Terra.
Secondo il WWF “Già ora la perdita di biodiversità e i cambiamenti climatici hanno superato i limiti e gli effetti stanno avendo conseguenze negative sull’umanità, causa stessa del problema.”
L’edizione  2014 è dedicata alle città 'verdi', l’obiettivo è quello di rendere più vivibili le metropoli dove ormai vive la metà della popolazione mondiale.

giovedì 17 aprile 2014

Auguri di una serena Pasqua

per la mia fantasia pasquale ho modificato un uovo di Fabergè

Indipendentemente dalla propria fede religiosa, credo che la possibilità di "risorgere a nuova vita" sia un auspicio per tutti. 
Auguri di una serena e radiosa Pasqua d'amore, serenità ed armonia a voi e ai vostri cari.
Con affetto
enrico

******

Dall'uovo di Pasqua
di Gianni Rodari

Dall'uovo di Pasqua
è uscito un pulcino
di gesso arancione
col becco turchino.
Ha detto: "Vado,
mi metto in viaggio
e porto a tutti
un grande messaggio".
E volteggiando
di qua e di là
attraversando
paesi e città
ha scritto sui muri,
nel cielo e per terra:
"Viva la pace,
abbasso la guerra".

Alcune tradizioni pasquali nel mondo 
(Purtroppo gli agnellini e i capretti sono le vittime innocenti di queste tradizioni)

lunedì 14 aprile 2014

La manna



La manna
La manna mangereccia del deserto Lecanora esculenta, Lecanora affinis è l’escrezione dei giovani rami di alcuni licheni, provocata dalle punture di un insetto e si presenta come masserelle giallicce, che sollevate dal vento possono essere trasportate a grande distanza. Ancora oggi i Tatari la usano come alimento nella preparazione di un tipo di pane. 
Nella Bibbia si legge che Dio mandò la manna agli Israeliti che soffrivano la fame nel deserto.
In Italia la manna è un prodotto tipico siciliano ed è ottenuta da alcune specie di frassini, in particolare dal  Fraxinus ornus un albero spesso ridotto a cespuglio che può raggiungere al massimo i 10 m d'altezza. Oggi la coltivazione è limitata al territorio di Pollina e Castelbuono ma fino agli anni '50 in alcuni centri la manna costituiva la base dell'economia locale.
Praticando piccole incisioni trasversali sulla corteccia dell’albero, si provoca la fuoriuscita della linfa che sgorga lentamente e a contatto con l'aria si condensa. Commercialmente si distinguono diverse qualità e la più pregiata  è la  manna cannolo che è simile ad una stalattite profumata di colore bianco e di sapore dolce acidulo. La composizione chimica della manna è molto complessa e dipende da diversi fattori tra cui: qualità, zona di provenienza, l'età del frassino, la sua esposizione, l'andamento stagionale e molti altri fattori. La manna possiede blande proprietà purgative, dovute soprattutto alla mannite e specialmente in passato si usava come lassativo.