saluto


giovedì 30 dicembre 2010

Le quattro candele


Le quattro candele

Le quattro candele , bruciando, si consumavano lentamente.
Il luogo era così silenzioso che si poteva udire la loro conversazione. 
La prima disse:
Io sono la Pace ma gli uomini non sanno mantenermi.
Penso che non mi rimanga altro da fare che spegnermi
e la candela piano piano si spense.

La seconda disse:
Io sono la Fede, ma gli uomini non vogliono saperne di me, non ha senso che io continui ad ardere, una lieve brezza soffiò su di lei e la spense.
 La terza candela tristemente disse:
Io sono l’Amore, non ho la forza per continuare a bruciare, gli uomini non mi considerano, non comprendono la mia importanza…..ormai odiano persino i loro fratelli e senza esitare un attimo si spense.
In quell’istante, un bimbo entrò nella stanza, vide la semioscurità e impaurito disse: ma che fate? Non potete spegnervi, ho paura del buio, e si mise a piangere.
La quarta candela allora disse:
non temere finchè io resterò accesa potremo sempre riaccendere le altre candele perché io sono la Speranza.
Il bimbo con gli occhi lucidi prese allora la Speranza e riaccese le altre candele.


Fate che la speranza non si spenga mai nel nostro cuore e che ognuno di noi possa, in ogni istante, riaccendere con la fiamma della Speranza,
.........la Pace, la Fede, l'Amore

2 commenti:

  1. Stupendo e commovente! Torniamo, o meglio, restiamo bambini in un angolo del nostro cuore e manteniamo sempre accesa la speranza!
    Ciao Enrico!A presto!

    RispondiElimina
  2. Non dobbiamo zittire il bimbo che c'è in noi, è la nostra parte migliore, quella che ci permette di continuare a sognare e sperare.
    Ciao Rita buona domenica
    Un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM