saluto


mercoledì 7 dicembre 2011

Antonio Canova


 Antonio Canova
Antonio Canova (Possagno, 1º novembre 1757 – Venezia, 13 ottobre 1822) fu uno scultore italiano, considerato il massimo esponente del neoclassicismo e cantore della bellezza femminile. Iniziò giovanissimo il suo apprendistato, all'età di undici anni cominciò a lavorare nello studio di scultura di Giuseppe Bernardi-Torretti. All'Accademia della città di Venezia, studiò il disegno, frequentando la scuola di nudo.  Specialmente nei primi tempi, subì l'influenza e il fascino dello scultore Bernini. Diciottenne lasciò lo studio dei Torretti e si mise in proprio. Nel 1779 si trasferì Roma, dove incontrò e conobbe i maggiori protagonisti dell'arte neoclassica, Nella capitale studiò la statuaria antica e frequentò la scuola di nudo dell'Accademia di Francia e dei Musei Capitolini. Antonio Canova scolpì le sue opere usando prevalentemente il marmo bianco. Suoi committenti furono sovrani, papi, imperatori e principi di tutto immondo. Il Canova fu anche pittore, ma in questo campo artistico non eccelse. Il sepolcro che custodisce le sue spoglie è a Possagno, tre anni prima della sua morte aveva progettato ed edificato a sue spese il Tempio, e ne aveva posto la prima pietra.
Dal 7 dicembre  al museo galleria Borghese a Roma sono in mostra alcuni marmi antichi che furono acquistati da Napoleone. “I Borghese e l'Antico” ricolloca, dove erano in origine, 65 delle oltre 600 sculture di epoca romana, che da due secoli costituiscono il nucleo centrale delle raccolte archeologiche del Louvre.

5 commenti:

  1. Leggevo oggi su un giornale, appunto. Grande il Canova, importante la mostra.

    RispondiElimina
  2. Deve essere molto bello poter ammirare tutti quei capolavori.
    ciao Adriano
    Enrico

    RispondiElimina
  3. E' stato un grandissimo scultore. Sai che la sua tomba si trova all'interno della chiesa dei Frari a Venezia? Se ci riesco, in gennaio, la fotografo e la pubblico sul mio blog

    RispondiElimina
  4. Scusa, ritorno. Ho dimenticato di dire che nella tomba c'è solo il suo cuore e che il monumento è stato creato dai suoi allievi. Un cordialissimo saluto.

    RispondiElimina
  5. Elio sono notizie che non conoscevo, grazie della precisazione.
    Ciao buona domenica
    enrico

    RispondiElimina

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM