saluto


lunedì 17 settembre 2012

La caccia



La caccia
Ieri guardavo in TV un reportage sull’apertura della caccia e le proteste che ogni anno ne conseguono. Personalmente provo molta tristezza quando vedo ammassare a terra o esporre sul cofano dell’auto, le povere vittime innocenti, assassinate da chi considera uno sport l’omicidio della fauna. Per stare in compagnia, invece di uccidere, non potrebbero limitarsi a fotografare gli animali, o ciò che emoziona è forse sentire un essere che ti muore fra le mani, o che ferito perde sangue? I cacciatori amano definirsi "difensori della natura", affermano che rispettano l’ambiente e senza la caccia si perderebbero migliaia di posti di lavoro. Io penso che in tutti questi anni volendo si sarebbero potuto convertire le fabbriche, altrimenti con la scusa del lavoro potremmo giustificare anche la produzione delle mine antiuomo o dei gas vietati ma a volte usati durante le guerre.
Hanno calcolato che solo in Europa ogni anno vengono disseminati sul terreno più di 18.000 tonnellate di piombo sotto forma di pallini da caccia, oltre 4.000 sono le tonnellate di piombo sparate nelle zone umide dove è vietato l’uso dei pallini da caccia al piombo, ma il divieto è poco rispettato.
  Molti uccelli, per agevolare la triturazione del cibo ingoiano sassolini e nelle zone dove vi sono alte concentrazioni di pallini di piombo, questi vengono ingoiati, bastano 10 pallini, poi i succhi gastrici li erodono e il piombo passa nel sangue causando la morte dell’uccello. Leggo che ogni anno muoiono mezzo milione di anitre per intossicazione da piombo.
I coltivatori biologici dicono che nei loro campi non usano pesticidi, non utilizzano fertilizzanti chimici, non sfruttano il terreno, favoriscono la biodiversità, poi si apre la caccia e si lamentano perché i loro campi sono attraversati da gruppi di cacciatori che sparando riempiono il terreno di piombo, il metallo poi entra nel ciclo biologico e intossica gli animali. La sindrome da intossicazione da piombo si chiama saturnismo e colpisce anche gli esseri umani.
Molti Paesi, nell'ultimo decennio hanno vietato totalmente o limitato l'uso del piombo nella caccia ma pare che nel nostro Paese, che ogni anno paga multe perché non rispetta regole e divieti, si usino principalmente pallini al piombo-antimonio o al piombo indurito.


I dati e le notizie li ho trovati girando in rete

22 commenti:

  1. questi care un campo privato?Chi glielo permette?
    lu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non tutti rispettano le pur discutibili regole. Proprio ora sento in TV che un bambino è stato ferito al volto da un cacciatore che ha sparato troppo vicino alle abitazioni.
      Ciao Lucia buona giornata un abbraccio.
      enrico

      Elimina
  2. Le stranezze nel nostro mondo!!! Pure i campi privati ci sono...
    E poi dicono che va male... Caro Enrico.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tomaso, i contadini vedono transitare sui campi che loro coltivano cacciatori che inseguono e sparano alla selvaggina.
      Ciao amico buona giornata
      enrico

      Elimina
  3. La caccia? da abolire una volta per tutte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si fanno spesso campagne contro la caccia ma poi non succede mai nulla.
      Ciao Costantino buona giornata
      enrico

      Elimina
  4. Buongiorno caro Enrico, io sono 100 x 100 contro la caccia... sai conosco un cane di un cacciatore che e velenato di piombo sta per diventare cieco e nei prossimi giorni deve essere adormentato ... poveretto aveva soltanto 2 anni... i cani ccciatori prendano quasi più palline di piombo che l'animale che dovrebbe essere sparato.. robba da matti ... Pif

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciò che dici conferma quello che tutti sanno ma che i cacciatori continuano a negare, il piombo delle loro cartucce uccide due volte.
      Ciao Pif buona giornata, un abbraccio.
      enrico

      Elimina
  5. Risposte
    1. Credo che la maggioranza delle persone odi la caccia, infatti, i cacciatori sono molto pochi rispetto alla popolazione. I telegiornali dicono che in Italia sono circa 700.000 l'1,2% della popolazione.
      Ciao Cavaliere buona giornata
      enrico

      Elimina
  6. Ciao Enri, mi piacerebbe che almeno una volta i cacciatori fossero le prede, potrebbero capire cosa significa essere braccati in maniera subdola!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se è per questo riescono a spararsi anche fra di loro.
      Notizia di oggi: "Un padre che non aveva messo la sicura al suo fucile, ha ucciso involontariamente suo figlio"
      Ciao Sciarada buona giornata, un abbraccio
      enrico

      Elimina
  7. Ciao Enrico sono completamente d'accordo con te e puoi ben immaginare che, oltre ad assere anticorrida sono anche anticaccia. Qui in Francia ormai usano dei pallini di acciao che io compero per lavare le bottiglie. Ma, i cacciatori, se vogliono far vedere che sanno sparare perché non si danno al tiro al piattello? Potremmo forse avere più partecipanti alle Olimpiadi. Per colpa di alcuni cacciatori ho rischiato di essere investito, mentre facevo una discesa in bici, da una coppia di cinghiali ed una decina di piccoli che scappavano dalle fucilate. Inoltre non crederò mai che un cacciatore possa essere un regolatore della natura. Appena possono fanno una carneficina. Speriamo che un giorno o l'altro spariscano dalla faccia della terra. Buona serata.

    RispondiElimina
  8. So che anche tu sei contrario alla corrida. Ho letto che le cartucce a pallini di piombo sono destinate a sparire, non essendo un esperto non so com'è attualmente la situazione in Italia. Sembra che questa gente, che non può vivere se non uccide qualche animale, sia in continua diminuzione e ciò fa ben sperare per il futuro.
    Ciao Elio buona serata
    enrico

    RispondiElimina
  9. Il discorso sulla caccia sarebbe complesso. Un esempio, la piaga dei cinghiali in aumento. Se non abolita del tutto, andrebbe, la caccia, drasticamente ridimensionata.

    RispondiElimina
  10. Una cosa è il controllo delle specie animali, sviluppatesi in modo abnorme a causa degli interventi dell'uomo che ha sconvolto gli equilibri naturali; altro discorso quando sparano a qualsiasi cosa si muova, anche se specie protetta, per il solo gusto di uccidere.
    Ciao Adriano buona giornata
    enrico

    RispondiElimina
  11. Sono contro la caccia al cento per cento!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gianna fai certamente parte della maggioranza delle persone.
      Buona serata, un abbraccio
      enrico

      Elimina
  12. Sono d'accordo con te, Enrico. Quando una specie è in sovrabbondanza vuol dire che l'uomo ha già eliminato il normale predatore di questa specie. Inoltre bisogna tener presente che sono gli stessi cacciatori, ormai, ad inserire le prede nelle zone di caccia e quindi la sovrabbondanza è dovuta anche a questo. Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Indipendentemente dalla caccia, quando l’uomo modifica gli equilibri naturali della natura combina sempre guai. Per esempio, la più grande popolazione nel mondo di cammelli selvatici si trova in Australia. Dopo che ne sono morti, in parte abbattuti e per la siccità, alcune decine di migliaia si stima ce ne siano ancora 750.000. Introdotti sul territorio nel XIX secolo dai coloni, che li utilizzavano per il trasporto delle merci. Quando questi animali sono stati abbandonati, hanno avuto un impatto devastante sulla fauna locale, quando una mandria arriva su uno specchio d'acqua utilizzato dagli animali della zona, può prosciugarlo in pochi giorni. Che dire dei conigli selvatici introdotti dall’uomo diventati in breve tempo una piaga per il paese. Per sterminarli, quando si stimò che il loro numero avesse raggiunto 750 milioni di unità, dovettero infettarli con un virus.

      Elimina
  13. Anche per me la caccia non è sport, tutt'altro.
    Se proprio una persona non può fare a meno di sparare, ci sono i poligoni, il tiro al piattello...che è anche sport olimpico!!
    In Piemonte, l'unica "remora" è costituita dai cinghali, che obiettivamente per gli agricoltori sono una vera calamità.
    A questo scopo, le guardie forestali hanno espresso la necessità di venire coadiuvati, ma che io sappia è una situazione monitorata a dovere e sotto controllo...!
    Ciao, buona domenica

    RispondiElimina
  14. Sirio concordo pienamente con te. Forse potrebbero anche vincere delle medaglie se sono bravi:-).
    I cinghiali li ho visti in Sardegna, quattro anni fa ero a S Teresa di Gallura e durante la notte sono entrati nel giardino della struttura dove soggiornavo e hanno devastato l'orto.
    Ciao buona domenica
    enrico

    RispondiElimina

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM