saluto

martedì 2 ottobre 2012

Alcuni dipinti “misteriosi”

 Dipinti misteriosi


Giotto verso gli anni 1280 – 1290 nella Basilica superiore di Assisi rappresentò la vita di S Francesco. Solo recentemente, su un affresco, è stato notato il viso di un demone nascosto in una nube. Nessuno sa il motivo per cui il pittore abbia dipinto un demone nella parte della nuvola più vicina ad un angelo. Una spiegazione potrebbe essere che nel Medioevo si credesse che anche nel cielo ci fossero i demoni che ostacolavano la salita delle anime.

*****


Nella Basilica di San Eustorgio a Milano, dove sarebbero conservati alcuni resti dei tre magi, nella zona dei Frati predicatori si trova la “Cappella Portinari” che fu affrescata da Vincenzo Foppa (1427 – 1515). Tra gli affreschi uno particolarmente misterioso attira l’attenzione. E’ il “Miracolo della falsa Madonna” in cui è raffigurata la Madonna con Gesù bambino ed entrambi hanno le corna. L’interpretazione che è stata data, è che si tratti del diavolo che per ingannare San Pietro da Verona abbia preso le sembianze della Madonna col bambino. Il diavolo verrà smascherato dal santo che gli mostra l’ostia consacrata.

*****


 Nella chiesa di San Sigismondo a Cremona, sede delle suore domenicane di clausura, c’è un affresco che rappresenta la scena dell’adultera narrata nella Bibbia, con Gesù ed i Farisei. In questo dipinto di Camillo Boccaccino (1505 – 1546, tutti i personaggi, Gesù incluso, sembrano ciechi perché non hanno le pupille. Monsignor Bonazzi ha fatto notare: “Le pupille bianche sono l'esito di un distacco del film pittorico realizzato da Camillo Boccaccino. Sono le parti dipinte dal pittore quando l'affresco è asciutto, che cadono o vengono erroneamente tirate via in qualche restauro. Basta osservare l'altro dipinto del Boccaccino verso nord: qui la traccia delle pupille è ancora evidente".

*****


Nel San Sebastiano, dipinto da Andrea Mantegna nel 1460 (conservato nel Kunsthistorisches Museum a Vienna), in una nuvola sullo sfondo del cielo c’è l’immagine di un cavaliere, forse è legata ad una leggenda che riguarda re Teodorico.
 ****



Nel Trionfo dell’Ordine benedettino, tela realizzata alla fine del 1500 da Antonio Vassilacchi detto l’Aliense, conservata nella Basilica di San Pietro di Perugia catalogata come il quadro più grande d’Europa, si cela un gigantesco volto demoniaco. A breve distanza si scorgono solo le figure distinte, se si osserva l’opera dall’altare maggiore ogni personaggio concorre a formare un gigantesco volto demoniaco. 

Citazione da qui Perugia.it: “San Benedetto è il naso, il sole e la luna rappresentano gli occhi che emanano luce crepuscolare, San Pietro e San Paolo ai lati esterni costituiscono invece le orecchie che contengono l’insieme più scuro dei personaggi a formare le corna. I benedettini che volgono le spalle, indossanti una tunica bianca formano perfino le zanne. Al di sotto una porta, forse costituirebbe la bocca che ingoia chiunque l’attraversi?

14 commenti:

  1. Interessantissime queste rappresentazioni.

    Non dimentichiamoci che i demoni erano pure angeli inizialmente.

    Un abbraccio, Enrico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa strana è che certe "stranezze" le abbiano notate dopo secoli.
      Ciao Gianna buona giornata, un abbraccio.
      enrico

      Elimina
  2. Caro Enrico molto interessante.
    MI domando ma dove vai a scovare tutto questo?
    Ciao e buona giornata caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Tomaso, sono tutte cose raccolte girando in rete, viste in TV o di persona. Per esempio avevo già pubblicato questo post e controllando dei dati o visto il quadro di Antonio Vassilachi e l'ho aggiunto ora. :-)
      Ciao buona giornata
      enrico

      Elimina
  3. Ciao Enrico sei un attento osservatore complimenti,
    al di la del dei demoni o angeli sono delle opere
    favolose
    ciao amico buona giornata
    tiziano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se una cosa mi incuriosisce la metto subito nel blog, e queste non passano inosservate.
      Ciao Tiziano buona giornata
      enrico

      Elimina
  4. Ma che strane rappresentazioni, specialmente l'ultima.
    Grazie!
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono quadri che lasciano perplessi. Ora quella che ti ha colpito è diventata la penultima poiché ne ho aggiunta un'altra proprio adesso.
      Ciao Cristiana buona giornata, un abbraccio
      enrico

      Elimina
  5. Grazie Enrico, per avermi resa edotta di queste strane "curiosità" artistiche, della cui esistenza ero totalmente ignara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te che mi leggi. Io conoscevo solo quella dove si vedono la Madonna e il Bambino con le corna, prima di fare questa ricerca.
      Ciao Krilù buona giornata, un abbraccio
      enrico.

      Elimina
  6. Io personalmente non credo nei demoni, ma penso questi dipinti che nascondano volti o altre cose sono forse una firma personale del dipincitore.. forse non ci rendiamo nemmeno conto vedendo il dipinto senza sapere di queste cose.. sempre belli i tuoi post caro Enrico, e grazie di cuore per il tuo commento su Laika, ti abbraccio Pif

    RispondiElimina
  7. Grazie Rebecca, lo sai che leggo i tuoi post perché sono un inno alla bontà e alla fratellanza. Non è facile immaginare che messaggio volessero dare questi pittori, da non trascurare il fatto che sono tutti dipinti fatti per le chiese.
    Ciao Pif buona giornata un amichevole abbraccio.
    enrico

    RispondiElimina
  8. E che dire dei dipinti di Hyeronymus Bosch?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non conosco la biografia di Hyeronymus Bosch e nemmeno le sue opere, non sono un esperto d’arte e quindi non saprei che dire. Mi è solo capitato di vedere alcuni suoi quadri in rete, ma le trasfigurazioni che lui crea nei suoi dipinti allucinati, ricchi di simboli enigmatici a me danno un senso d’angoscia.
      Ciao Costantino buona serata.
      enrico

      Elimina

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM