saluto


sabato 18 maggio 2013

Duomo di Gemona


Santa Maria Assunta Gemona
Il Duomo di Gemona (dedicato a S. Maria Assunta)  è di stile Romanico Gotico. La costruzione fu edificata sulle fondamenta di precedenti edifici risalenti ai secoli X e XI, ma vi sono bassorilievi dell’epoca romana del II e III secolo d.C. I lavori iniziarono nel 1290 per opera dell’architetto-scultore Maestro Giovanni e terminarono nel 1337 anno della consacrazione. Ciò  che maggiormente colpisce nella facciata è il rosone, risalente alla prima metà del '300 e l’enorme statua di San Cristoforo col bambino realizzata da Griglio da Gemona nel 1332. La scultura è alta sette metri ed è posta a protezione dei viandanti. Del  Griglio è anche la galleria dell’Epifania, costituita da 9 statue. La chiesa nel tempo ha subito vari interventi di ristrutturazione. Nel 1348 un violento terremoto danneggio la chiesa, il campanile e la statua di San Cristoforo. 
Il 6 maggio 1976, ore 21 Magnitudo: 6.4  vi fu un violento terremoto che provocò 965 vittime. Seguirono numerosissime repliche, alcune delle quali molto forti; in particolare la scossa del 15 settembre, alle ore 10:20, magnitudo 5.9 che provocò altre vittime e distruzioni.
Questi eventi catastrofici lesionarono gravemente i muri, il tetto, l’intera navata di destra del Duomo assieme alle cappelle ed alla sacristia, nonché una parte del muraglione che sostiene il sagrato, la parte terminale del frontone della facciata, il soffitto dell’abside e la torre campanaria.
I lavori di ricostruzione, eseguiti con le sue pietre originali, cominciano nel 1981 e terminarono il 4 maggio 1986 a dieci anni dalle scosse e ripristinarono l’aspetto odierno della facciata che  risale agli anni 1825-1826.

10 commenti:

  1. Ciao Enrico, grazie per insegnarci sempre qualcosa!
    Buon week-end, a presto :D

    RispondiElimina
  2. Il giro d’Italia è passato in quelle zone è ha riportato alla memoria il terremoto che sconvolse quella regione.
    Il giro è transitato anche nella zona del Vajont dove il 9 ottobre 1963, una parte del monte Toc precipitò nel bacino artificiale. L’onda superata la diga che non cedette, si abbatté nella valle del Piave e inondò il paese di Longarone (BL) provocando circa 2000 vittime.
    Buon fine settimana Enrico
    enrico

    RispondiElimina
  3. Che meraviglia di Duomo ! Anche questa è una dimostrazione di come i Friulani (ne conosco parecchi) abbiano la ferrea volontà di tirarsi subito su le maniche, senza aspettare...

    Ciao, buona domenica!

    RispondiElimina
  4. Di catastrofi ne hanno viste ma si sono sempre ripresi. Buona domenica Leonardo
    enrico

    RispondiElimina
  5. Mi ricordo benissimo quel 6 maggio,con un mandi dal Friuli.Olga

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È impossibile dimenticare quell'evento catastrofico.
      Mandi Olga, un abbraccio
      enrico

      Elimina
  6. Non avevo mai visto così tante immagini del magnifico Duomo di Gemona. Data l'età, invece, ricordo bene sia la tragedia del Vajont che quella del terremoto in Friuli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono state forse le prime tragedie mostrate direttamente dalla TV. Prima leggevi le notizie sui giornali o le vedevi nei cinegiornali.
      Buona giornata Adriano
      enrico

      Elimina
  7. Risposte
    1. Non credo siano molte le chiese che hanno una statua di sette metri inserita nella facciata. La credenza popolare pensa che durante il terremoto la facciata della chiesa non sia crollata perché l'ha protetta S. Cristoforo.
      Buona giornata Elisa, un abbraccio
      enrico

      Elimina

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM