saluto

mercoledì 29 settembre 2010

I cani e le ingiustizie


I cani odiano le ingiustizie più degli umani.
Il "migliore amico dell'uomo" è un animale "etico" con una sua morale e una profonda avversione per ingiustizia e disuguaglianza. Studiosi dell'Università di Vienna sono giunti a queste conclusioni considerando il fatto che due cani che giocano, anche violentemente, difficilmente finiscono per lottare fra loro come l'istinto gli suggerirebbe, ad un certo punto scatta una specie di fair play, simile a quello di due pugili che dopo essersi battuti si stringono la mano.
I cani capiscono dal tono di voce degli umani, sensazioni, stati d'animo e ordini, si comportano di conseguenza e modulando i loro stessi versi in base alla situazione "dialogano"con noi.
liberamente tratto da: Tiscali animali


***
Ho sempre avuto due cani ed ho costatato che se sgridavo uno dei due per qualche danno, ( magari fatto pipì) se era colpa sua teneva la testa bassa metteva la coda fra le gambe e sembrava dispiaciuto, ma se era stato l’altro cane a combinare il guaio, quello che sgridavo ingiustamente non assumeva la posizione di sottomissione, mi guardava come se non capisse e poi mi “teneva il muso” per tutto il giorno. In quelle occasioni il vero colpevole si avvicinava a me come se mi temesse, cercando una carezza. Ho avuto diversi cani ed ho sempre notato questo comportamento. Altra cosa che non accettano è il fatto che accarezzi uno e non l’altro o il boccone fuori pasto dato solo ad uno dei due.

Nessun commento:

Posta un commento

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM