saluto


martedì 19 aprile 2011

Tradizioni pasquali


Alcune curiose tradizioni pasquali lette in rete.

* In Italia ci sono usanze comuni ed altre che variano da paese a paese. La notte del Venerdì Santo le strade si illuminano di fiaccole e sono percorse dalle processioni, talvolta i penitenti sono a piedi scalzi o in catene per rendere più difficili e faticosi i percorsi della redenzione. La Domenica di Pasqua  si consuma l’agnello pasquale (voglio sperare si tratti solo del dolce e non di un povero agnellino), si distribuiscono uova e dolci a forma di colomba. Tradizione molto seguita è quella del picnic il giorno successivo alla Pasqua (Pasquetta).

* In Svezia e Finlandia la domenica delle Palme si benedicono dei rami di pioppo bianco con le gemme. Nella settimana che precede la Pasqua i bambini  si vestono da streghe, distribuiscono le loro letterine e in cambio ricevono delle caramelle. Durante il pranzo pasquale i cibi caratteristici sono il "Pasha" che è a base di formaggio, il Mammi” che è un budino di segale, le uova sode che hanno il guscio colorato.

* In Danimarca, la tradizione vuole che tutto sia colorato di giallo, dalle candele alla tovaglia,  le tavole sono ornate con rami fioriti e uova dipinte, ai bambini vengono regalati conigli pasquali e agnelli di cioccolato. Durante la notte che precede la Pasqua i genitori nascondono delle uova colorate che i piccoli dovranno trovare la mattina di Pasqua.

* In Francia si racconta ai bambini che le campane non suonano perché sono volate verso Roma ma ritorneranno la domenica della Santa Pasqua. I primi rintocchi del giorno di Pasqua sono il segnale per i più piccoli per iniziare  la ricerca delle uova di cioccolato nascoste precedentemente dai genitori.

*In Germania, si accende un "fuoco sacro" usando una grossa lente. I contadini spargeranno poi le ceneri negli orti come augurio propiziatorio per il raccolto. Pietanza tipica della festa è l’agnello, anche il dolce riproduce un agnello, poi un coniglietto chiamato "Osterhase"donerà l'uovo di cioccolato ai bambini.

*In Grecia si festeggia la Pasqua con riti greco-ortodossi e ogni fedele accende in chiesa una candela, che poi porterà  a casa. Per  tradizione si mangia la “Marghiritsa"che è una zuppa tipica fatta con l’agnello e le sue frattaglie (poveri agnellini!). Poi ci sono: dolcetti, pane pasquale, uova colorate.

*In Russia nella città di Sargorsk, dove risiede il Pope di tutta la Russia, la Pasqua si celebra con una processione attorno alla cattedrale. La domenica, la famiglia si riunisce e organizza un picnic sulla tomba di un parente. La sera di Pasqua si gusta una cena con diversi tipi di carni, pesce e funghi.

* In Israele si festeggiano due eventi: la Pasqua cristiana durante la quale, si svolgono processioni e si ripercorrono le tappe della Via Crucis. 
La  Pasqua ebraica  "Passth" è una festività che dura otto giorni (sette nella sola Israele) e  ricorda l'Esodo e la liberazione del popolo israelita dall'Egitto.  In questo periodo si mangia il pane azzimo e sono banditi i cibi lievitati. La tavola è ricca di cibi simbolici: le erbe amare che ricordano la sofferenza del popolo ebraico,  l’agnello arrostito intero, le erbe rosse, un uovo che simboleggia il lutto e la salsa charoseth, usata dagli schiavi ebrei in Egitto

*In Inghilterra il giovedì santo, nell'abazia di Westminster, si celebra la “Ceremony of the Royal Maundy” (Cerimonia del Santo Reale), durante la quale sono distribuiti ogni anno i Maundy Money (soldi santi) a due cittadini anziani, un uomo e una donna,  scelti fra coloro che si sono distinti nella loro comunità. Ricevono in dono rispettivamente un borsellino bianco che contiene un numero di monete pari agli anni di regno del sovrano vigente; un borsellino rosso, contenente delle monete coniate espressamente per l’occasione e che sostituiscono i regali che un tempo venivano fatti ai poveri. Gli anziani sono aiutati nel lavaggio dei piedi.
Il dolce tipico è rappresentato dagli "hot cross buns" che sono piccole brioches di antichissima tradizione  fatte con uvetta e cannella e decorate con una croce fatta di glassa, per ricordare la passione di Cristo.

* In Portogallo a Braga il giovedì santo c'è la “Procissão do Ecce Homo”che è  guidata dai Farricocos (uomini scalzi, con tuniche e cappucci). Nel sud del paesse il sabato mattina, i pastori  invadono il centro della città con le loro greggi, per farle benedire. La notte della vigilia di Pasqua a fine messa, tutti i presenti prendono campanacci e campanelli e li suonano, accompagnando il “Cortejo da Aleluia” attraverso la città. A tavola si serve il capretto arrosto, lo stufato di agnello, le polpette, le “Arrufadas”, le uova di cioccolato e le mandorle di vari colori.

>Altre tradizioni<

Nessun commento:

Posta un commento

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM