saluto


sabato 4 febbraio 2017

STOP MGF mutilazioni dei genitali femminili


È inconcepibile che alcuni genitori torturino le loro figlie procurandole mutilazioni estremamente dolorose e in alcuni casi addirittura letali per le emorragie e le infezioni che causano; queste mutilazioni poi  condizioneranno negativamente tutta l’esistenza della donna. Non ci sono motivazioni di nessun genere né igieniche né religiose per questa pratica aberrante
L’UNICEF stima che  nel mondo ci siano circa 125 milioni di donne che convivono con una mutilazione genitale. Si può ipotizzare che ogni anno circa tre milioni di bambine sotto i 15 anni si aggiungano a queste statistiche, la maggior parte si trova in 29 Paesi africani. In alcuni Stati: Gibuti, Somalia, Eritrea ma anche in Egitto e Guinea le mutilazioni colpiscono il 90% della popolazione femminile, in paesi come Ghana, Togo, Zambia, Uganda, Camerun e Niger la percentuale varia da uno al quattro per cento. Una quota molto minore vive in paesi a predominanza islamica dell'Asia. Le mutilazioni sono praticate illegalmente anche in Europa, Australia, Canada e negli Stati Uniti, soprattutto fra gli immigrati provenienti dall'Africa e dall'Asia sud-occidentale.

18 commenti:

  1. Quanta ignoranza ancora nel mondo, povere donne !! Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le donne in molti Paesi sono ancora completamente soggiogate all’uomo, ma è assurdo che le mamme, vittime a loro volta di questa barbarie, non si oppongano alle mutilazioni inferte alle loro figlie. Leggo che queste mutilazioni qualche volta, continuano anche quando si trasferiscono in Europa, USA, Canada ….
      Ciao Mirtillo buona giornata, un abbraccio
      enrico

      Elimina
  2. A volte penso che noi non ci sviluppiamo più, molto triste se penso quanto sofferenze hanno queste povere bambine... e poi con questo intervento lo togliano anche il piacere di fare amore ... tutto questo mi fa arrabbiare ..

    Ti abbraccio abbi un buon weekend caro Enrico ... bussi Rebecca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C’è da rabbrividire se si pensa alla sofferenza di quelle giovani, mutilate barbaramente senza nemmeno l’anestesia. Quello che fa arrabbiare è che non esiste nessun alibi per l’infibulazione, è una pratica che serve solo a mortificare la donna e a rendergli la vita difficile.
      Ciao Rebecca buona giornata, un abbraccio, bussi.
      enrico

      Elimina
  3. Pois é, amigo Enrico, mal se pode acreditar que nos tempos atuais, ditos modernos, ainda se procedam tais mutilações no genitais das mulheres, que, pelo que sei, são africanas (e mesmo fora da África cometem tais procedimentos criminosos em outros países). Salve esse Dia Internacional!
    Um abraço.
    Pedro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono persone che affermano che non si devono giudicare le tradizioni degli altri Paesi, ma nessuna religione dice che si deve privare la donna del piacere, queste poi sono pratiche che provocano anche cisti e rendono molto più doloso e a rischio il parto.
      Ciao Pedro Luso, buona giornata
      Enrico

      Elimina
  4. E' un'altra delle "tradizioni" da estirpare ma sembra che, malgrado le proteste di diverse nazioni la pratica dell'eccisione sia tuttora in uso nei paesi che tu elenchi. Se ho ben capito questo serve a privare la donna di godere durante un rapporto quando per un uomo è una gioia di riuscire a farlo. Viva il femminismo. Buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le donne sono ancora discriminate in molti Paesi del mondo. Umiliate, segregate, offese, mutilate, addirittura uccise se tentano di lasciare chi le perseguita. L’infibulazione era praticata già al tempo dei faraoni, sono passati millenni ma l’uomo non è rinsavito e le mutilazioni continuano.
      Ciao Elio buona giornata
      enrico

      Elimina
  5. ......e chissà ancora per quanto andranno avanti , ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggi adeguate per combattere le atrocità sono utilissime ma non sono sufficienti per sconfiggere barbarie e ignoranza, è l’uomo che deve maturare.
      Ciao ReAnto buona giornata
      enrico

      Elimina
  6. The incredible is that the mutilation is permitted.
    I am sad that women who have been forced to silpojien.
    Greeting

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In molti paesi questa tortura terribile è vietata, ma c’è ancora troppa ignoranza e intanto milioni di donne sono costrette a subire queste atrocità.
      Ciao Liplatus buona giornata, un abbraccio
      enrico

      Elimina
  7. Hello Enrico!
    A great post!
    This is a huge problem, especially in Arab countries.
    Greetings.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Queste pratiche sono vere torture, non è un taglietto che poi guarisce. Queste povere donne soffriranno per tutta la vita a causa di queste mutilazioni.
      Ciao Łucja buona giornata, un abbraccio
      Enrico

      Elimina
  8. Bisogna in tutti i modi combattere questi atroci retaggi culturali.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le prime a doversi ribellare sono le donne che hanno subito le mutilazioni. In paesi dove si praticano queste atrocità, forse è ancora difficile che siano gli uomini a chiedere che si rispetti l’integrità fisica della donna.
      Buona giornata Cettina, un abbraccio
      enrico

      Elimina
  9. Una cosa aberrante si, non ci posso pensare

    RispondiElimina
  10. Passano gli anni, i secoli, i millenni ma quest’atroce tortura nei confronti delle donne continua ancora inspiegabilmente ad essere praticata in alcuni Paesi.
    Ciao Carmine buona giornata
    enrico

    RispondiElimina

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM