saluto

venerdì 8 ottobre 2010

(pesce) Siluro albino

Siluro
Proveniente dalle acque del bacino del Danubio è stato introdotto in Italia da circa mezzo secolo e si è diffuso soprattutto nei bacini del Po e dell'Adige diventando un flagello per la fauna ittica stanziale poiché è molto vorace, la quantità di pesce che ingerisce è pari al 3% del suo peso corporeo. Il siluro ha una bocca gigantesca provvista di 3 paia di barbigli, gli occhi sono piccoli, il corpo cilindrico si assottiglia verso la coda. Privo di squame, è totalmente coperto di muco, si nutre di pesci di ogni specie vivi o morti. Secondo alcune storie sembra che abbia afferrato anche animali (cani) che stavano abbeverandosi al fiume e si sia dimostrato aggressivo verso l’uomo, ma forse sono solo leggende. La specie più grande il Silurus glanis, può raggiungere e superare i 4 m di lunghezza e i 290 kg di peso. Nel nostro paese la media oscilla tra gli 80 e i 220 cm, con un peso compreso tra i 10 e i 110 kg.
Jan Claude Tanzilli famoso pescatore ha pescato nelle acque francesi del Grande Rodano un Siluro albino lungo 230 cm e pesante 81 kg. Con questa cattura è stato stabilito un nuovo record per Siluri albini.
Prima che il Silurus glanis fosse importato nel nostro paese c'era un altro gigante dalle carni prelibate che nuotava nei nostri corsi d'acqua ed era lo Storione.
Dai racconti dei vecchi pescatori sembra che lo storione sia stato il vero gigante del grande fiume, vi sono ancora foto a dimostrarlo. Il più grande storione catturato nei primi anni del secolo passato sfiorava i due quintali. Gli storioni possono raggiungere i 5 metri e mezzo negli esemplari adulti di sesso femminile e superare i 300 kg. mentre il maschio raggiunge al massimo i due metri. In Italia i pochi esemplari rimasti possono raggiungere eccezionalmente il metro e mezzo.

Nessun commento:

Posta un commento

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM