saluto


martedì 11 novembre 2014

San Martino


San Martino Vescovo nacque nel 316 in Pannonia, l'odierna Ungheria, da genitori nobili ma pagani, quando era ancora bambino la famiglia si trasferì a Pavia dove conobbe la religione cristiana, ma essendo figlio d'un tribuno, fu obbligato per legge ad entrare nell'esercito e dovette seguire il padre nella cavalleria dove militò per tre anni sotto gli imperatori Costanzo e Giuliano. 
Era l’11 Novembre, il cielo era coperto, piovigginava c’era vento e faceva freddo. Martino  stava tornando a casa quando lungo la strada vide un povero vecchio coperto soltanto di pochi stracci che chiedeva l’elemosina.  Il cavaliere lo guardò e sentì una stretta al cuore, scese dal cavallo e con un colpo di spada tagliò in due il suo mantello e ne regalò una parte al povero. Martino aveva da poco ripreso il suo cammino quando le nubi si diradarono, il cielo tornò sereno e il sole tornò a scaldare. Questa è l'estate di San Martino, che si rinnova ogni anno per festeggiare il suo atto di carità.
Secondo la leggenda quella notte Gesù apparve a Martino e lo ringraziò per il suo gesto. Questo avvenimento risultò decisivo per la sua vocazione successiva. Ottenuta  dall'imperatore l'esenzione dalle armi, andò a Poitiers presso il vescovo S. Ilario da cui fu istruito, battezzato e in seguito ordinato sacerdote. Desideroso di vita austera fece prima vita eremitica su un monte, poi eresse l’abbazia di Marmontier dove fu per parecchi anni padre di oltre 80 monaci. Quando la sede di Tours divenne vacante,  per unanime consenso del popolo fu eletto vescovo di quella città e ne resse la diocesi per 27 anni disprezzato dai nobili e malvisto da una parte del clero, che trovava scomodo un vescovo troppo intransigente. Nell'anno 397 stava rientrando da Candes-Saint-Martin dove si era recato per ricomporre un grave scisma quando morì. Fu sepolto a Tours, ove gli fu dedicata la cattedrale. Gli Ugonotti in seguito violarono la tomba, e dopo avere bruciate le spoglie, ne dispersero le ceneri.


Il trasloco nel giorno di San Martino Vescovo ha costituito una tradizione fondamentale nella civiltà contadina che è venuta meno solo negli anni '50-'60 del XX secolo. Con la fine dell'annata agraria, terminavano i rapporti di lavoro o per la fine del contratto o per disdetta da parte dei proprietari e quindi i contadini dovevano cercare in altre cascine lavoro e sistemazione. Le operazioni di sgombero e gli spostamenti potevano iniziare qualche giorno prima dell'11 e proseguire non oltre il 12 novembre. In quei giorni era abbastanza normale vedere interi nuclei familiari che migravano, con le proprie povere cose.  

16 commenti:

  1. Accurata e veritiera descrizione della figura di San Martino, l'ho molto apprezzata!
    Avevo dei cugini di mia mamma che coltivavano la terra, i preziosi vitigni del moscato e dell'erbaluce di Caluso, oltre ad allevare bestiame.
    Purtroppo - come avveniva in tanti casi - le generazioni più giovani non avevano affatto l'intenzione di proseguire l'attività dei genitori....
    Attualmente, dalle mie parti, la ricorrenza di San Martino è sinonimo di fiera dell'agricoltura, nel suo significato più ampio.

    Ciao Enrico, buon pomeriggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sino a pochi anni fa i giovani fuggivano dalla campagna. Oggi forse anche a causa della crisi, sembra che molti tornino ad apprezzare la vita agreste.
      Buona giornata Leonardo.
      enrico

      Elimina
  2. Caro Enrico, veramente il racconto chiarissimo, San Martino è passato alla storia, per tanti motivi, ma quello del suo mantello viene ricordato sempre come aiuto ai poveri.
    Ciao e buona serata caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La storia del militare poi divenuto santo, che taglia il proprio mantello per dividerlo con un povero infreddolito è un'immagine che ha lasciato il segno.
      buona giornata caro Tomaso
      enrico

      Elimina
  3. Caro Enri...quanti ricordi, in classe immancabilmente l'11 novembre parlavo di San Martino.

    Abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La storia di San Martino e il suo mantello e la poesia del Carducci erano due argomenti trattati regolarmente ogni 11 novembre.
      Buona giornata Gianna un abbraccio
      enrico

      Elimina
  4. Ciao Enrico! Rammento come da piccolina rimanevo incantata quando la maestra ci raccontava la leggenda di San Martino, era la mia preferita, che dolci ricordi ; un grande abbraccio a te e sorridente serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L’estate di San Martino, i tre giorni della merla, la poesia del cinque maggio con la quale il Manzoni rievocava la sconfitta dell’Inter che in quella data, ultima del campionato, perse partita e scudetto :-) erano argomenti ricorrenti nei primi anni di scuola. Gioiosa giornata un abbraccio.
      enrico

      Elimina
  5. Ricordi d'infanzia... Sempre commovente la leggenda di San Martino e il mantello.
    Saluti Enrico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È piacevole tornare con la memoria al tempo in cui queste storie riuscivano a stimolare in modo positivo la nostra fantasia.
      Buona giornata Lucia un abbraccio
      enrico

      Elimina
  6. Infatti dalle mie parti non si dice: "domani faccio trasloco" ma " duman i fuma San Martin"
    Ciao e a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembra ci sia una forma dialettale che ha lo stesso significato praticamente in ogni regione.
      Buona serata Carla un abbraccio
      enrico

      Elimina
  7. Quanti riccordi Legati a San martino
    ciao buona serata
    Tiziano.

    RispondiElimina
  8. Questa ricorrenza era legata anche ai calendari dei lavori agricoli che terminavano agli inizi di novembre, dopo la semina. Questo per il contadino e la sua famiglia qualche volta significava il traumatico trasferimento in un nuovo podere.
    Buona serata Tiziano
    enrico

    RispondiElimina
  9. Ma sai io di San Martin sapevo solo il gesto di aver donato metà del suo mantello ad un povero mendicante,
    Quindi sono contenta di aver letto la tua accurata descrizione su questo Santo ...Caro Enrico ,ti auguro una dolce notte ,abbraccio ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sinceramente certe cose le ho apprese solo ora documentandomi per fare il post :-)
      Buona giornata un abbraccio
      enrico

      Elimina

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM