saluto

https://amici-in-allegria.blogspot.it/

sabato 28 novembre 2015

La nascita del panettone


Circolano molte leggende sul panettone, ve ne accenno un paio.

* Ughetto giovane rampollo di casa Atellani era innamorato di Adalgisa la figlia di un fornaio della zona. Il suo amore però era ostacolato dalla famiglia e lui poteva incontrare l’amata solo di nascosto. Gli affari del fornaio non andavano bene e Ughetto consigliò al fornaio di creare un nuovo prodotto aggiungendo all’impasto per il pane del burro e dello zucchero. Il successo fu immediato e presi dall’entusiasmo, una sera migliorarono il dolce aggiungendo anche pezzetti di cedro candito e delle uova. Fu un successo strepitoso e tutto il borgo faceva la fila per acquistare il dolce. Il successo e la notorietà raggiunta dal fornaio ammansirono la famiglia Atellani e così Ughetto e Adalgisa poterono coronare il loro sogno d'amore senza più ostacoli.



* La vigilia di Natale, alla corte del Duca Ludovico il Moro, Signore di Milano, si tenne un gran pranzo. Per quell’occasione il capo della cucina preparò un dolce elaborato, degno del fastoso banchetto. Purtroppo il  dolce bruciò durante la cottura e il panico colse i pasticcieri. Uno sguattero della cucina, detto Toni, propose di utilizzare un dolce che aveva preparato per sé, usando degli ingredienti avanzati dalla precedente preparazione del dolce. Il  “pane dolce” con una cupola ben brunita, profumato di frutta candita uova e burro, fu presentato ai conviviali del duca che lo accolsero con favore. Quando il duca volle sapere il nome del dolce e chi era l’autore di questo straordinario pane dolce, si fece avanti Toni dicendo che non gli aveva dato un nome. 
Il Duca allora diede al dolce il nome del suo creatore il "pan del Toni", ossia il panettone.
******
La probabile origine del panettone forse va ricercata nell’usanza di celebrare il Natale con un pane più ricco di quello di tutti i giorni. In un manoscritto di Giorgio Valagussa, precettore di casa Sforza, si legge che la sera del 24 dicembre si cuocevano nel camino tre grandi pani di frumento (farina per l’epoca di gran pregio) sui quali il capofamiglia incideva una croce per propiziarsi un buon anno nuovo. Poi il capofamiglia ne serviva una fetta a tutti i commensali, serbandone una per l’anno successivo in segno di continuità.

14 commenti:

  1. Il panettone figlio dell'amore e dell'ingegno sa di buon augurio e mi piace; un abbraccio Enrico e lieto fine settimana !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La storia del nobile rampollo che per stare vicino alla sua amata “inventa” un dolce è molto romantica.
      Felice settimana Sciarada
      Un abbraccio
      enrico

      Elimina
  2. Che sia stato Ughetto o gli Sforza, a me poco importa ahah...l'importante è che qualcuno l'abbia inventato. Adoro il panettone!
    Ciao Enrico. Buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me piace molto il panettone. L’industria oggi farcisce con una miriade di creme questo dolce che sembra sempre più una torta. Il panettone di pasticceria rimane ancora il più fedele alla tradizione.
      Felice settimana Pino
      enrico

      Elimina
  3. Che gran meraviglia il panettone! L'abbiamo relegato al Natale, chissà come mai non viene gustato in ogni giorno dell'anno come gli altri dolci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusta osservazione la tua. Certi cibi sono stranamente legati a date precise, forse il motivo andrebbe ricercato in tempi lontani. Panettone, pandoro, ricordo il panpepato ferrarese che ci mandava i nonni per festeggiare il Natale ma anche certi piatti tipo “zampone e lenticchie” che riserviamo al primo dell’anno.
      Felice settimana Ambra
      Un abbraccio
      enrico

      Elimina
  4. Noi sempre Pandoro e oggi l'ho trovato per la prima volta senza glutine... Questa leggenda non la conoscevo Enrico. Un abbraccio e buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino che le scelte siano un po’ condizionate se ci sono problemi di glutine. Non tutti poi amano canditi ed uvetta perciò diventa logica la scelta del pandoro.
      Felice settimana Ale
      Un abbraccio
      enrico

      Elimina
  5. Che belle leggende su questo dolce, che resta sempre il mio preferito rispetto al pandoro,
    Buona serata Enrico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... E allora brindiamo con un bicchiere di spumante rigorosamente Italiano e una bella fetta di panettone :-)
      Felice settimana Lucia
      Un abbraccio
      enrico

      Elimina
  6. Un bella e dolce lezione di storia.
    Buon inizio di settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se aggiungiamo al panettone un bicchiere di spumante, la "storia" ce la mangiamo e beviamo :-)
      Felice settimana Vincenzo.
      enrico

      Elimina
  7. Molto bella questa storia... proprio giusto in qusto periodo... un abbraccio a te caro Enrico ♥

    RispondiElimina
  8. Le leggende saranno anche simpatiche ma la cosa più importante è che il panettone mi piace :-)
    Felice settimana Rebecca
    Un abbraccio ♥
    enrico

    RispondiElimina

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM