saluto


mercoledì 29 settembre 2010


Bengala 
Il gatto Bengala è la prima razza ottenuta dall’incrocio di un gatto domestico con un felino selvatico (il gatto leopardo). Nel 1963 in California, Jean Sudgen fece accoppiare il suo gatto leopardo asiatico,che ha un patrimonio cromosomico compatibile con il gatto domestico ed è naturalmente immune dalla leucemia felina,
con un gatto domestico, nell’intento di conservare alcune caratteristiche del gatto leopardo. . I primi esemplari ottenuti avevano un carattere selvatico e alquanto nervoso e solo dopo una lunga selezione con gatti domestici e con gatti di razza, si ottennero gatti dal carattere più mite. Nel 1991 il Bengal è stata riconosciuta come razza.
Splendido gatto di grande taglia (dai 5 ai 9 chilogrammi) 
Ha un corpo lungo e muscoloso. Le grandi zampe ricordano quelle dei felini selvatici; la testa è rotonda con naso largo e orecchie aperte alla base. Gli occhi sono grandi e a mandorla. La pelliccia è fitta e di media lunghezza, morbida e setosa. Sul colore di base, caldo e dorato, si staglia la maculatura a piccoli spot che possono essere neri, marroni, cioccolata o cannella. La coda lunga e spessa è sempre nera in punta. Naturalmente è un gatto un po’ selvaggio ma affettuoso e amante delle coccole e del gioco. I neonati vengono solitamente dati a balia ad una gatta domestica per renderli più domestici. Amano tanto l’acqua da sguazzare felici nella vasca da bagno.

Nessun commento:

Posta un commento

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM