saluto


domenica 28 novembre 2010

Il monte Emei (Cina)


Il monte Emei e il Grande Buddha del monte Leshan
Patrimonio dell’umanità UNESCO 
Il monte Emei, chiamato anche “Monte della grande luce”, si trova nella zona centro-meridionale della provincia del Sichuan, nella Cina occidentale, nella cintura di transizione fra il bacino del Sichuan e l’altopiano Qinghai-Tibet. La cima più alta è quella dei Diecimila Buddha 3099 metri.
L'Emei è uno dei quattro monti sacri sia al buddismo sia al taoismo della tradizione cinese. Il luogo è famoso in Cina e nel mondo per il paesaggio naturale e la sua tradizione religiosa, per la perfetta combinazione di bel paesaggio e cultura storica, da cui l’appellativo di “più bello del mondo”. La foresta copre l’87 % della superficie, ospita 242 famiglie di piante superiori, alcune sono millenarie e più di 100 specie endemiche del luogo, inoltre vi sono moltissime specie animali, alcune molte rare. Si tratta di un’importante area di ricerca sui biosistemi regionali mondiali.
Fra i numerosi luoghi di culto della zona spiccano gli “otto templi dalla punta dorata”, fra cui quello di Baoguosi e dei Diecimila anni.
Nella parte est del massiccio dell’Emei, sul Monte della fenice che riposa, si trova il Buddha: conosciuto nell’antichità come “Grande Buddha Jiading”, la sua costruzione iniziò nel primo anno Kaiyuan della dinastia Tang (713), per terminare solo dopo novanta anni. Scolpita sul fianco del monte, di fronte al fiume, è la maggiore statua di pietra del mondo Si tratta di un “Buddha Maitreya” alto 71 metri, seduto in direzione ovest, dal viso solenne. Ai lati del Buddha, in direzione nord-sud, si trovano circa novanta nicchie con sculture in pietra di epoca Tang.

Nessun commento:

Posta un commento

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM