saluto


domenica 21 novembre 2010

S.Lucia e i regali


S.Lucia e i regali
In Svezia il periodo natalizio é molto lungo, i festeggiamenti cominciano con il 13 dicembre festa di Santa Lucia, ricordata anche da noi in Italia in molte città, prima fra tutte Siracusa della quale la santa è protettrice. In Svezia la santa viene festeggiata come San Nicola, in altri paesi del nord Europa e porta doni e dolci, ai bambini. Prima dell'introduzione del calendario moderno (1580) la festa della Santa si celebrava il 21 dicembre il giorno del solstizio invernale, da cui il detto "S. Lucia il giorno più corto che ci sia". I bambini giravano per il paese recitando filastrocche per favorire la fertilità (umana e del bestiame). Le donne non potevano lavorare. I giovani giravano coperti da lenzuola per non farsi riconoscere, o facevano scherzi. In questo giorno si cominciava a costruire una sedia che doveva essere terminata per il giorno di Natale. La costruzione doveva rispettare regole precise, per esempio si dovevano usare nove diversi tipi di legno. Si riteneva che, salendo su questa sedia durante la messa di mezzanotte di Natale, si potesse rilevare la presenza di una strega. Nelle regioni italiane dove i regali li porta Santa Lucia a dorso del suo asinello, è usanza lasciare qualcosa per rifocillarli: una tazza di latte e dei biscotti per la Santa e un po' d'erba ed una ciotola d'acqua per l'asinello

Nessun commento:

Posta un commento

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM