saluto


venerdì 21 gennaio 2011

Fra le ciglia bagnate

Fra le ciglia bagnate

Hai bussato piano alla porta del mio cuore,
hai bussato piano e io non ti ho  sentito.
Non ti rivedrò mai più,
non riuscirò mai più a riportarti indietro.
Fra le ciglia bagnate di lacrime salate,
ti immaginerò nel vento che mi spettina,
nel sole che mi scalda,
nella stella che veglia la mia notte, 
negli occhi dolci di un bambino,
nella luce del mattino, 
nel primo fiore di primavera,
nella dolce pace della sera.
Mi hai lasciato però un dono:
tanto amore da dare,
da offrire, da regalare .
Perché quella stella nella notte brilli ancora di più
perché io possa immaginare nel vento
  il dolce  trillio del tuo riso. 
         
m.b   

Nessun commento:

Posta un commento

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM