saluto


mercoledì 12 gennaio 2011

Scarzuola - Montegiove comune di Montegabbione Terni - Italy

Scarzuola 
Si tramanda che nel 1218 San Francesco di Assisi si costruì in questa zona una capanna utilizzando la Scarza, (pianta palustre, da cui il nome Scarzuola). In seguito il Santo fondò un Convento piantando un alloro, una rosa e creando miracolosamente una fonte alla quale la gente è ancora molto devota. Nella chiesetta del convento è custodito un affresco della prima metà del XIII secolo, che raffigura il Santo in levitazione.
L'Architetto milanese Tommaso Buzzi acquistò il complesso conventuale nel 1957 per realizzare un suo progetto: costruire la "città ideale". Buzzi per prima cosa restaurò il convento poi, per completare la sua “città sacra”, trasformò gli orti dei frati in spazi verdi dove fra statue, pergolati, siepi e fiori rari, si rievoca il mito d'amore di Polifilo e della sua ninfa Polia. Iniziò quindi a edificare la”città profana”che chiamerà Buzziana. In questa sua cittadella ci sono scalinate, statue, bassorilievi, citazioni, ovunque vi sono impressi motti, monogrammi e simboli indecifrabili. Furono poi realizzate tutte quelle costruzioni che rappresentano una scenografia teatrale in continua trasformazione. In sette scene teatrali, è possibile vedere: strutture circolari come osservatori astronomici, luoghi di meditazione, templi di culto pagano, una riproduzione del Partenone e del Colosseo. Alla sua morte, avvenuta nel 1980, Tomaso Buzzi lascia incompiuta la sua creatura di pietra, ed esprime il desiderio che la natura ne prenda possesso e la distrugga ma, la Buzziana non scompare e oggi, quasi interamente compiuta utilizzando gli schizzi esistenti, può ancora essere visitata.


Nessun commento:

Posta un commento

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM