saluto

https://amici-in-allegria.blogspot.it/

giovedì 25 novembre 2010

Pera Cocomerina


Pera Briaca o Cocomerina
La pera Cocomerina o Briaca è una varietà coltivata ancora nell’Alta Valle del Savio nell’Appennino Cesenate. Il frutto ha una forma ovoidale piuttosto piccola e la buccia verde, il nome gli deriva dal colore della polpa che, nel raccolto più tardivo, assume un intenso colore rosso che ricorda il cocomero o il vino. Dolce e molto profumata, questa pera si conserva per pochissimo tempo, ciò ne rende difficile la commercializzazione. I periodi di raccolta coincidono con la fine di agosto e la fine di ottobre per  le tardive. Le Cocomerine vanno consumate appena maturano altrimenti perdono molte delle loro caratteristiche organolettiche.
Data la particolare aromaticità e la fragilità del frutto, la pera Cocomerina si presta molto bene alla trasformazione in marmellate o alla conservazione in sciroppo.


*****
Una delle ricette che ha partecipato e vinto, un’edizione della "Sagra della Pera Cocomerina”

Saccottini di pera Cocomerina di Serena Fontana
1 uovo
1/2 kg farina
1 cucchiaio di zucchero
una presa di sale
una noce di burro
1 bicchiere di latte
1/2 bustina di lievito
pere cocomerine
confettura di pera cocomerina
uvetta
granella di mandorle


Preparazione:
Impastate uova, farina, zucchero, sale e lievito con il latte tiepido in cui è stato sciolto il burro. Maneggiate fino ad ottenere una pasta liscia e morbida, quindi suddividete la pasta in piccoli pezzi della grandezza di un uovo.
Nel frattempo mettere a bagno l'uvetta in acqua tiepida per alcuni minuti e scolatela bene.
Preparate le pere Cocomerine sbucciate e tagliate a fettine. Spianate ogni singolo pezzetto di pasta dello spessore di una sfoglia per poi farcirlo con la confettura di pera Cocomerina, le pere a fettine, l'uvetta e la granella di mandorle.
Infine chiudere a forma di saccottino.
Imburrate una teglia ed infornate a 200°C per 20/30 minuti circa.


2 commenti:

  1. Temo ke a causa della sua facile deperibilità, mi sarà piuttosto difficile poterle mangiare, xkè non le troverò facilmente in vendita quà in Sanremo, magari però come marmellata o sotto spirito è possibile!

    RispondiElimina
  2. Io posto sempre queste notizie perché le trovo curiose ma già nell'articolo da cui ho preso spunto dicevano che il frutto fresco è difficilmente reperibile in commercio.
    Ciao Fiore buona giornata
    enrico

    RispondiElimina

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM