saluto


lunedì 23 aprile 2012

Le cicogne e i bambini


Le cicogne
Molte leggende che riguardano le cicogne sono nate nei Paesi del Centro-nord Europa.
Una leggenda narra che Dio creò le cicogne con i fiori dei ciliegi e delle mele d'Alsazia. Quando si alzarono in volo le loro zampe e il loro becco presero il color porpora, dal sole al tramonto. Quando le cicogne tornarono dalla migrazione, videro le pianure dell'Alsazia insanguinate e rovinate dalla guerra e chiesero a Dio se potevano portare il lutto, lui acconsentì che immergessero la punta delle loro ali nel nero della tristezza e della disperazione, e così fecero.
La cicogna sin dall'antichità fu considerata simbolo di fortuna e prosperità; per cinesi e giapponesi era simbolo di longevità e protezione, per la cristianità rappresentava la carità. Per gli Egizi, per scrittori greci e italici e nei bestiari medievali la cicogna era il simbolo della pietà verso i genitori anziani non autosufficienti.
Quando l'uomo viveva una vita semplice, a contatto con la natura, la cicogna era un uccello molto diffuso. Osservando questi uccelli considerati animali fedeli, che nidificavano sui camini delle case, tornavano ogni anno allo stesso nido e dedicavano molto tempo per allevare i piccoli, nacque la leggenda più nota.
Se le cicogne curano con tanto amore i loro piccoli, sicuramente sarebbero in grado di crescere anche i figli dell'uomo. Questi uccelli attraverso il camino possono sentire se qualcuno desidera un figlio e sono abbastanza forti da poterlo trasportare, dormono su una zampa sola, sempre pronte a scattare, spesso nidificavano sulle case, dove c'è un neonato.
Fu così che ebbe origine la credenza che portassero i bambini che poi calavano attraverso i camini.
Nella realtà, quando le giovani cicogne in primavera tornavano in Europa, dopo la migrazione in Africa, costruivano il loro nido sui comignoli più caldi. Una volta, quando nasceva un bambino, in casa si accendeva il camino per più ore durante la giornata per scaldare l'ambiente. I contadini istallavano sui tetti delle piattaforme per facilitare la creazione del nido poiché la loro presenza era considerata di buon auspicio, poi le cicogne predano anche le serpi nei campi.

Comunque non mi fregano, io continuo a credere che i bambini non nascono sotto i cavoli, li portano le cicogne.

16 commenti:

  1. Ciao caro Enrico come vedi ci sono di nuovo,
    mi piace sentire queste storie delle cicogne un volatile bellissimo che percorre migliaia di Km per emigrare, ciao e buona settimana amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso sono sempre felice di leggerti. La cosa più importante è che tu stia bene.
      Buona giornata
      enrico

      Elimina
  2. interessante post!
    io di cicogne non ne ho viste...mi sa che stanno scomparendo!
    buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho la fortuna di abitare in un luogo dove le cicogne si vedono ancora, qualche volta le scorgo che cercano cibo in un campo mentre vado all'Ipermercato che dista meno di un chilometro da casa mia.
      Per la cronaca io abito in Milano città. :-)
      Ciao Lu buona giornata un abbraccio
      enrico

      Elimina
  3. Risposte
    1. Sono belle non passano certo inosservate. Spero di vederle qualche volta mentre trasportano un neonato:-)
      Ciao Gianna buona giornata, un abbraccio
      enrico

      Elimina
  4. Ciao Enrico bella questa leggenda sulle cicogne,
    devi guardare bene sotto i cavoli
    sono ben nascosti anzi invisibili
    buona giornata

    Tiziano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tiziano io guarderò meglio, ma mi sa che mi vuoi prendere in giro :(
      Comunque sotto i cavolfiori o le verze?:-))
      Ciao buona giornata
      enrico

      Elimina
  5. Risposte
    1. E' bello vederle nel loro grosso nido, magari mentre nutrono i piccoli.
      Ciao Cavaliere buona giornata
      enrico

      Elimina
  6. Le cicogne so speciali,sono contento che si rivedano anche dalle mie parti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ricordo bene poco distante da casa mia ci sono 4 o 5 coppie di cicogne. Si trovano bene e non emigrano. In rete ho visto le loro foto mentre quest'inverno giravano nella neve in cerca di cibo.
      Ciao Costantino, buona giornata
      enrico

      Elimina
  7. Adoro le cicogne, ma non sono mai riuscite a vederle dal vero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adriano vieni a Milano a vedere le cicogne. Con il tram si arriva abbastanza vicino a dove nidificano.
      Ciao buona giornata.
      enrico

      Elimina
  8. Adoro le leggende ... in loro si cela quella magia che serve all'uomo per ritrovare la propria interiorità a volte offuscata. Complimenti al tuo blog! Felice di essere tra i sostenitori. Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Katia non so se hai cliccato il link "animali fedeli" inserito in questo post, trovo molto bella quella storia vera.
      Felice di averti fra i miei sostenitori. Se hai un blog fammelo sapere
      Buona giornata
      enrico

      Elimina

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM