saluto


venerdì 28 marzo 2014

Milano: Torri bosco verticale


Residenza Bosco verticale
Bosco verticale è il nome di due torri residenziali di 111 metri 26 piani, e 78 metri 18 piani inserite nel centro Direzionale di Milano. La struttura è stata completata nel primo quadrimestre 2012, ora si sta procedendo con la realizzazione delle facciate e degli impianti. In questi giorni stanno terminando la messa a dimora degli ultimi alberi. (vedi foto)
La peculiarità di queste costruzioni sarà la presenza di oltre 20,000 vegetali equivalenti a 2 ettari di foresta. Ci saranno 700 alberi sono: lecci, prugni, ulivi, meli, ciliegi, limoni, querce, scelti in base al loro livello di umidità, alla resistenza al vento, all’esposizione al sole. 4000 arbusti alcuni alti fino a 5/ 6 metri, 15 mila rampicanti.
All’inizio del 2015 dovrebbero essere pronti tutti gli appartamenti.

Sulla carta è tutto bello ma io vedo cosa succede alle piantine sul mio balcone nelle giornate di vento eccezionale. Non bastavano fiori ed arbusti? Qui hanno piantato 700 veri alberi che crescendo richiederanno anche potature periodiche. Che succederebbe se un albero, magari malato, si spezzasse o fosse divelto dal vento e cadesse da cento metri d’altezza?



*********
PS. Il Council on Tall Buildings and Urban Habitat promosso dall'Illinois Institute of Technology di Chicago, che ogni anno sceglie il grattacielo migliore di ogni continente e poi premia il vincitore assoluto. Per il 2015 ha premiato Il Bosco Verticale, secondo loro  è il grattacielo più bello e innovativo del mondo

>MILANO< clik

24 commenti:

  1. Forse era meglio un vero bosco.
    Sereno week end.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo un vero bosco in città sarebbe l’ideale ma si sono visti anche bei giardini ricavati sulla terrazza dell’ultimo piano e quindi in uno spazio forse più consono dell’edificio.
      Buon fine settimana Vincenzo
      enrico

      Elimina
  2. Enrico mio, mamma mia..cerchiamo di essere ottimisti..
    Certo che l'impresa si presenta abbastanza ardua!
    Un abbraccio forte, amico caro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi lascia perplesso il fatto che la vegetazione sia molto esposta agli agenti atmosferici in quei contenitori che fanno parte del parapetto dei balconi. Immagino comunque che sia tutto sicuro e studiato molto bene.
      Buon fine settimana cara Nella un abbraccio
      enrico

      Elimina
  3. Giuste considerazioni le tue, caro Enri.

    Condivido e ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon fine settimana cara Gianna un abbraccio
      enrico

      Elimina
  4. Sono d'accordo con te zio...
    Ciao.
    Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pino buon fine settimana.
      Enrico

      Elimina
  5. Mentre arrivavo alla fine del tuo post, stavo chiedendomi le stesse cose che tu ti sei chiesto... sarà sicuramente bello tutto quel verde ma.... penso che degli arbusti potevano bastare.
    Ciao , buon fine settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente degli arbusti anche se un po’alti sono facilmente gestibili e sostituibili se muoiono.
      Pochi sarebbero capaci di potare correttamente una pianta quando crescendo invaderà lo spazio di chi abita al piano superiore.
      Ciao Paola buon fine settimana un abbraccio
      enrico

      Elimina
  6. quello che si chiedeva anche mio marito .....lui è un contadino e si chiedeva che hanno gru per quando le devono potare? e se cadesse qualcosa? mah a volte le assurdità della gente arriva davvero all'inverosimile....buon w.e. enrico un'abbraccio...barbara

    RispondiElimina
  7. Forse per le potature hanno fatto un contratto con Superman, lui può potarle volando e riprendere i rami al volo qualora cadessero. :-)
    Buon fine settimana Barbara un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
  8. Hai ragione. Bisognerà mettere un divieto di parcheggio tutto in basso e vendere o affittare solo a giardinieri provetti (lol). In ogni caso è l'andamento dei moderni architetti ed anche qui a Montpellier se ne vedono di tutti i colori. Ciao Enrico e buona domenica.

    RispondiElimina
  9. Ho dimenticato, io lancio bene la lavatrice senza chiedere niente a mia moglie, ma la battuta è buona. Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con la lavatrice seguire le istruzioni dei costruttori è facile ma poi è l'uso abituale quello che ti suggerisce le migliori soluzioni.
      Buona domenica Elio
      enrico

      Elimina
  10. Effettivamente di CASE con soluzioni strane se ne vedono parecchie. Avevo fatto un post sull’argomento. :-)
    Buona domenica Elio
    enrico

    RispondiElimina
  11. Ciao Enrico.
    Mi hai fatto sorridere di primo mattino con ciò che hai scritto.

    I giardini pensili sono sempre stati nell'immaginario del futuro progettista, sia architetto che ingegnere.
    Il desiderio di creare qualcosa di impossibile all'apparenza, ma realizzabile con studi approfonditi di ingegneria e botanica, bè posso dire che ai miei tempi lo sognavo anch'io.
    Conosciamo tutti la storia dei famosi "giardini pensili di Babilonia", pensa realizzata in un periodo in cui era impossibile anzi inimmaginabile tale costruzione, eppure si sa con certezza che è esistita ma mai trovata, non si conosce neanche l'esatta collocazione. Ooops, cusami sto divagando.

    Comunque credo che studi siamo sicuramente stati fatti su probabili spostamenti d'aria con conseguente rottura di rami. Per sicurezza però, meglio allargarsi molto quando si passa da quelle parti ;))). By, by.

    RispondiElimina
  12. Cercare soluzioni nuove è una cosa apprezzabilissima. Proporre progetti azzardati purché realizzabili e sicuri va bene. L’importante però è non cercare semplicemente di stupire.
    Conosco la storia dei giardini di Babilonia e quando ho fatto il post sulle SETTE MERAVIGLIE DEL MONDO ANTICO io ho potuto scatenare la fantasia solo perché nessuno proverà mai a realizzare quei disegni ahah.
    Buona domenica Pia un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
  13. Enrico condivido le tue perplessità circa l' opportunità di voler impiantare un bosco in verticale. Ho visto le immagini dei due edifici in questione e non sono proprio sicura che mi piacciano, nemmeno dal punto di vista paesaggistico. Certamente è gradevole vivere in mezzo al verde ma forse era il caso di ricorrere semplicemente a piante arbustive, che sono comunque decorative ma certamente più semplici da governare.

    RispondiElimina
  14. Se una persona ha o ha avuto un giardino, poco importa se grande o piccolo, sa cosa significa curarlo, potare le piante raccogliere foglie ecc. Se non tieni tutto sotto controllo in breve ti ritrovi in una foresta.
    Buona giornata Krilù un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
  15. a dir la verità queste immagini non mi piacciono.
    E' una forzatura visiva e non ci vedo nulla di bello,anzi.
    Il troppo storpia.
    Lu

    RispondiElimina
  16. Mi sembra che questo progetto abbia generalmente suscitato perplessità da parte degli intervenuti :-)
    Buona giornata Lucia un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
  17. io penso che il verde che togli costruendo edifici non lo recuperi più, i boschi verticali in natura non ci sono, un conto sono i boschi veri e propri e la terra, un conto i balconi con le fiorire belle per amore del cielo, io l'ho trovato un progetto e una realizzazione infelice, a milano è tutto in costruire grattacieli di cemento e ventro, sara l'europa che ce lo chiede ... ma a me non piacciono

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I grattacieli probabilmente servono a concentrare molti uffici od abitazioni in uno spazio relativamente piccolo, leggi speculazione. Per ciò che riguarda quelle due torri forse, almeno nel progetto, c’è una quantità di verde eccessiva. Buona giornata Carmine
      enrico

      Elimina

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM