saluto

giovedì 30 settembre 2010

Elefante bianco


Elefante bianco
Secondo una leggenda gli elefanti bianchi hanno sacri poteri e sono simbolo di fertilità.
Per molti decenni gli elefanti bianchi sono stati motivo di guerre tra la Tailandia e la Birmania, possederli significava successo e lunga vita per il re e il suo regno, per questo motivo erano tenuti all’interno del palazzo reale e trattati con riguardo. Con il passare degli anni gli elefanti bianchi sono divenuti meno comuni. In Tailandia il più recente è stato trovato nel 1978 e ne è seguita una fastosa cerimonia con monaci buddhisti che con canti propiziatori lo hanno adornato con magici amuleti. Ancora oggi i tailandesi credono che una donna incinta che passa tre volte sotto la pancia di un elefante, partorirà velocemente e senza problemi.
Offrire un elefante bianco al rappresentante di un altro stato, era segno di grande diplomazia. Re Mongkut, nel 1860 avendo sentito che l’America non aveva elefanti bianchi, scrisse una lettera al Presidente Lincoln, offrendogliene una coppia. Il Presidente Lincoln apprezzò il gesto, ma rifiutò la gentile proposta in quanto il clima non sarebbe stato adatto per loro. Re Mongkut scrisse un manuale descrivendo in modo dettagliato le caratteristiche che un elefante bianco deve avere. “….un elefante bianco deve possedere particolari caratteristiche fisiche (una lunga proboscide, una bellissima coda...), personali (deve avere un “buon odore”) e non deve russare rumorosamente ma emettere un suono simile ad uno strumento musicale Tailandese.”

Nessun commento:

Posta un commento

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM