saluto


venerdì 8 ottobre 2010

La polena Atalanta


La polena Atalanta detta «famigerata Atalanta» per l'aria di mistero che la circonda. Raffigura una donna dalla cui tunica spunta un seno e che con la mano destra alza leggermente l'abito. A lei è legata la leggenda secondo la quale chi la fissa a lungo rimane affascinato e si innamora perdendo la testa fino ad impazzire e a togliersi la vita.
Il mistero l'avvolge fin dal suo ritrovamento in pieno Atlantico nel 1866. Nessuno sa quale sia stata la sorte della nave alla quale era appartenuta.
Sembra che, dopo il recupero, sia stata collocata nel Museo Navale di Genova e sia stata poi spostata in quello di La Spezia nel 1870.
Si racconta che il primo a subire il fascino della statua sia stato il custode del museo che, innamoratosi della polena, rimase per giorni ad ammirarla prima di togliersi la vita.
Un episodio analogo fu riportato dalla stampa nel secondo dopoguerra, in relazione a un soldato tedesco di stanza a La Spezia. Questi, affascinato da Atalanta, era andato molte volte al museo a guardarla e alla fine, l'aveva addirittura rubata per portarla nella sua abitazione.
Un giorno un suo commilitone, andato a casa dell'amico, lo trovò morto ai piedi della polena, in mano aveva un biglietto con il quale spiegava di avere offerto a lei la propria vita.

Nessun commento:

Posta un commento

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM