saluto

lunedì 26 giugno 2017

Finger lime, il caviale vegano


Citrus australasica F. Muell 1858 un agrume di origine australiana, è un arbusto o piccolo albero spinoso con frutti cilindrici lunghi 5-10 cm, che hanno buccia liscia o leggermente corrugata di diversi colori: blu, bruno, rossiccio, verde. La polpa può essere verde, gialla, rosa fino al rosso chiaro. Spezzandolo e spremendolo come un limone, il frutto libera delle sferette dal sapore acidulo, piccante e fresco, lo chiamano il caviale dei vegani. In effetti, quelle vescicole di forma ellittica possono ricordare le pregiate uova di storione.
È un prodotto molto particolare e specialmente il finger lime a polpa bianca è destinato a mercati di nicchia. Il frutto è molto costoso ed è utilizzato nell'alta ristorazione, per il particolare sapore e la caratteristica consistenza.
In Sicilia a Favara, in provincia di Agrigento, nel primo campo sperimentale italiano, sono state impiantate sette diverse varietà di finger lime, e nei prossimi mesi ne saranno impiantate altre sei varietà, per vedere quali si adattano meglio al nostro mercato, alcuni artigiani locali lo trasformano anche in succhi, marmellate e salse. A breve commercializzeranno anche l'olio di oliva aromatizzato al finger lime.
Quest’agrume vanta tante proprietà antisettiche, favorisce la digestione, è rinfrescante e diuretico. Apporta buone quantità di vitamina C, B6, acido folico.

Notizie lette in Rete, io non l'ho ancora assaggiato

                                      >FRUTTA ESOTICA<

10 commenti:

  1. Caro Enrico, questa per me è una scoperta, non avrei mai immaginato tutto questo.
    Ciao e buon inizio della settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Tomaso anch’io ho scoperto da poco questo frutto e ora sono curioso di assaggiarlo.
      Ciao buona giornata
      enrico

      Elimina
  2. Qui da te caro Enrico si scopre sempre nuove cose... grazie per questo post... ti abbraccio bussi ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono un curiosone e mi piace navigare in Rete in cerca di cose che non conosco. :-)
      Buona giornata cara Rebecca, un abbraccio, bussi
      enrico

      Elimina
  3. un prodotto per le tavole dei VIP insomma ....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In rete leggo che costa circa 18€ l’etto, fa meno impressione che dire 180€ il kg e per provarlo e togliersi lo sfizio forse un etto basta.:-)
      Ciao Antonio buona giornata
      enrico

      Elimina
  4. Very interesting post, Enrico.
    I do not know vegans caviar.
    I ate a Russian sturgeon.
    Greetings.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non impazzisco per il caviale e non ho ancora assaggiato questo vegetale ma naturalmente il caviale russo è tutta un’altra cosa. :-)
      Buona giornata cara Łucja, un abbraccio
      enrico

      Elimina
  5. Non lo conoscevo ma lo cercherò qui. Ho molti amici vegani che potrebbero darmi dei consigli. Ciao.

    RispondiElimina
  6. Come ho scritto nel post io non l'ho ancora assaggiato :-)
    Ciao Elio buona giornata
    enrico

    RispondiElimina

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM