saluto


venerdì 8 ottobre 2010

La nave scuola Amerigo Vespucci


La nave scuola Amerigo Vespucci
L'Amerigo Vespucci è una nave a vela con motore, a tre alberi e bompresso, vele quadre, vele di strallo e fiocchi. Lo scafo è del tipo a tre ponti principali La sua lunghezza, dalla poppa estrema all'estremità del bompresso, è di 101 metri; la larghezza massima è di 15,5 metri e la superficie velica di circa 2800 metri quadrati, che la possono spingerla fino a 10 nodi orari (19 chilometri l’ora). La struttura e le costole sono d'acciaio, così come i ponti e i tronchi portanti degli alberi e del bompresso, ha due motori diesel elettrici che sono utilizzati per facilitare le manovre in porto e quando, durante una navigazione, viene a mancare completamente il vento.
Costruita e allestita nel Cantiere di Castellamare di Stabia nel 1930, su progetto del Tenente Colonnello del Genio Navale Francesco Rotundi. Varata il 22 febbraio 1931, ha iniziato la navigazione pochi mesi dopo. Dall'entrata in servizio effettivo, e sino al termine della Seconda Guerra Mondiale, ha affiancato nell'attività di nave scuola la gemella Cristoforo Colombo, varata tre anni prima. In seguito, sulla scorta d’accordi internazionali, la Cristoforo Colombo è stata ceduta alla Russia. Da allora l'Amerigo Vespucci è divenuta l'unico vascello con il compito di preparare gli allievi che frequentano il primo corso di studi dell'Accademia Navale
 Ha partecipato nel 2000 alla "Tall Ship's Race", la grande competizione che mette a confronto i velieri delle Marine Militari di tutto il mondo In sei mesi, l’Amerigo Vespucci ha percorso oltre diecimila miglia, alla conquista del Nuovo Continente, arrivando seconda, dietro la Gorkh Fock.

1 commento:

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM