saluto


venerdì 1 ottobre 2010

La strage dei delfini a Taiji - Giappone -

La strage dei delfini a Taiji - Giappone -
Taiji è un piccolo villaggio di pescatori accessibile solo attraverso un'impervia strada costiera e si trova 500 Km a Sud-Ovest di Tokyo, affacciato sul Pacifico davanti a una delle grandi rotte migratorie di delfini. In questa località protetta da transenne, sbarramenti e posti di blocco, lontano da occhi indiscreti, i visitatori non sono benvenuti e gli intrusi sono accolti da insulti, ogni anno i pescatori del luogo, uccidono migliaia di cetacei, tra delfini e piccole balene. Il documentario "The Cove" (La Baia), diretto dallo svedese Louie Psihoyos, ne ha filmato l’orrore. Quando i pescatori avvistano i branchi di delfini, creano un corridoio con le barche, poi immergono in acqua dei tubi metallici sui quali martellano per disorientare i delfini che finiscono intrappolati in una piccola baia che viene chiusa con le reti. Senza nessuna via di fuga i cetacei sono massacrati in un mare rosso di sangue. Gli esemplari migliori, pagati decine di migliaia di dollari, finiranno in qualche circo o acquario.
In Giappone la carne di delfino è utilizzata nell’alimentazione umana, è servita anche nelle scuole. Alcune recenti analisi hanno dimostrato che la carne di questi cetacei contiene percentuali di mercurio e metilmercurio, soprattutto nelle carni dei cetacei uccisi nei pressi di Taiji, a livelli tali da dover essere considerata "rifiuti tossici".
Tali carni possono causare gravi danni, forse irreparabili, specie se consumate nell’età dello sviluppo.


Strage Delphidae Calderon

  PS: GENNAIO 2014 LA STRAGE CONTINUA IMPERTERRITA

4 commenti:

  1. Io che amo profondamente la natura e cerco di rispettarla al meglio, soffro terribilmente nel vedere queste cose. Mi sento impotente. Ogni volta che ne ho la possibilità, firmo almeno le petizioni, per quanto possano servire. Non ci sono parole per tutto questo!

    Un abbraccio, Enrico,
    Cristina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La strage continua nonostante divieti e petizioni. Si continuano a catturare delfini, tonno rosso detto anche pinna blu, balene, squali ai quali si tagliano le pinne e si ributtano in mare. Intanto i pesci diminuiscono ed aumentano le meduse anche quelle enormi.
      Buona giornata Cristina un abbraccio
      enrico

      Elimina
  2. Uo visto una pellicola su questo articolo e l'ho trovato terrificante ...e nonostante tutto contina ancora ...
    Sempre interessanti i tuoi articoli ...buon pomeriggio ...abbraccio ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dicono che la carne di quei delfini è addirittura nociva per la salute e anche la carne di balena non è certo il massimo ma gli interessi delle industrie prevalgono su tutto. Questo post ha la data del 2010 ma sento in TV che questa strage è ancora in atto in questi giorni.
      Grazie per l'apprezzamento
      Buona giornata Bianca un abbraccio
      enrico

      Elimina

Anonymous comments with advertising links are automatically considered SPAM